Visita della consigliera federale Calmy-Rey in Libia

Berna, Comunicato stampa, 29.05.2009

La consigliera federale Micheline Calmy-Rey, capo del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE), si è recata in Libia dal 27 al 29 maggio 2009. Al centro di questa visita erano i due cittadini svizzeri che sono trattenuti da più di 300 giorni in Libia e non sono autorizzati a lasciare il Paese. La Consigliera federale era accompagnata in Libia dalle mogli dei due cittadini trattenuti e da un medico.

La visita della consigliera federale Micheline Calmy-Rey a Tripoli è durata tre giorni ed era dedicata ai due cittadini svizzeri ai quali le autorità libiche continuano a rifiutare il visto di uscita dal Paese. I due Svizzeri sono sottoposti a una forte pressione. Micheline Calmy-Rey li ha incontrati per portare il suo sostegno nella difficile situazione in cui si trovano e per farsi un’idea diretta del loro stato di salute fisico e psichico. Nel viaggio la Consigliera federale era accompagnata dalle mogli dei due Svizzeri e da un medico. 

La polizia ginevrina aveva temporaneamente posto in stato d’arresto Hannibal Gheddafi e sua moglie nel luglio 2008, fatto che aveva provocato il deterioramento delle relazioni bilaterali tra la Libia e la Svizzera. I due cittadini svizzeri, attivi in Libia come uomini d’affari, erano stati temporaneamente arrestati e il Governo libico aveva preso in seguito misure di ritorsione nei confronti dell’economia svizzera. Le imprese svizzere continuano a non poter esercitare le loro attività in territorio libico. 

Il DFAE lavora con vigore per trovare una soluzione al problema. Le discussioni e i contatti bilaterali che la Svizzera e la Libia conducono dall’estate 2008 proseguono. In occasione di questa visita si sono svolti colloqui sfociati in progressi significativi. 

Per maggiori informazioni:
Lars Knuchel, Capo Informazione DFAE +41 79 277 55 60


Indirizzo per domande:

Servizio stampa e informazione
Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna
Tel.: (+41) 031 322 31 53
Fax: (+41) 031 324 90 47
E-Mail: info@eda.admin.ch


Editore

Dipartimento federale degli affari esteri