Piattaforma sugli sfollamenti nel contesto di catastrofi

Una donna cammina con l’acqua alle caviglie trasportando un fagotto in direzione di un gruppo di case.
Nella capitale haitiana di Port-au-Prince l’aumento del livello del mare costringe sempre più le persone che vivono nelle baraccopoli sulla costa a lasciare le loro case. © UNOPS

La Piattaforma sugli sfollamenti nel contesto di catastrofi (Platform on Disaster Displacement), con sede a Ginevra, è una misura concreta dell’Agenda di protezione messa a punto nel quadro dell’iniziativa Nansen. L’iniziativa è stata lanciata dalla Svizzera e dalla Norvegia nel 2012 e portata a termine nel 2015.

L’obiettivo dell’iniziativa Nansen era migliorare la protezione delle persone costrette a fuggire all’estero a seguito di catastrofi naturali e delle conseguenze negative del cambiamento climatico. In base alla Convenzione sullo statuto dei rifugiati conclusa a Ginevra nel 1951, a queste persone non viene riconosciuto lo statuto di rifugiati.

Per colmare questa lacuna, l’iniziativa Nansen ha raccolto soluzioni innovative in atto nei Paesi colpiti. Una migliore preparazione per fronteggiare i casi di catastrofe dovrebbe riuscire a impedire tali sfollamenti forzati e a proteggere maggiormente le vittime. Le misure nei settori della prevenzione delle catastrofi, dell’adattamento ai cambiamenti climatici e dell’aiuto umanitario sono state integrate in un’Agenda di protezione, che 109 Stati hanno adottato a Ginevra nell’ottobre 2015. La Piattaforma sugli sfollamenti nel contesto di catastrofi lavora, congiuntamente agli Stati e a vari altri attori, per monitorare e attuare l’Agenda di protezione.