Inizio pagina

Comunicato stampa, 25.05.2022

Il 9 giugno 2022 la Svizzera sarà candidata a un seggio non permanente nel Consiglio di sicurezza dell’ONU per il biennio 2023-2024. Il Consiglio federale ha deliberato il 25 maggio 2022 sulle priorità della Svizzera per questo mandato. In merito saranno ora consultate le Commissioni della politica estera del Parlamento (CPE).

Con la decisione odierna il Consiglio federale propone alle CPE quattro priorità tematiche per gli auspicati due anni di mandato come membro del Consiglio di sicurezza dell’ONU. Le priorità verranno adottate definitivamente in autunno, al termine delle consultazioni delle CPE.

Proposta del Consiglio federale: quattro priorità

-    Costruire una pace sostenibile: la Svizzera ha una lunga esperienza e comprovate capacità nell’ambito della promozione della pace e della prevenzione dei conflitti, e viene considerata in tutto il mondo un attore credibile.

-    Proteggere la popolazione civile: la lunga tradizione umanitaria e l’impegno della Svizzera per il diritto internazionale umanitario sono riconosciuti. La protezione della popolazione civile è al centro dell’agenda del Consiglio di sicurezza in relazione a molte situazioni di conflitto, compresa l’Ucraina.

-    Affrontare la questione della sicurezza climatica: il cambiamento climatico minaccia la sicurezza e la stabilità di molti Stati ed è considerato un moltiplicatore di rischi. Anche in questo settore la Svizzera dispone di competenze che può mettere a disposizione del Consiglio di sicurezza.

-    Rafforzare l’efficienza: la Svizzera si batte da anni per una maggiore trasparenza e responsabilità nei lavori del Consiglio di sicurezza e per una maggiore inclusione degli Stati non membri. Questi sforzi di riforma dovranno essere portati avanti.

Le priorità proposte per il seggio nel Consiglio di sicurezza dell’ONU sono pertinenti rispetto all’attuale situazione geopolitica, anche a fronte dell’aggressione militare della Russia contro l’Ucraina. La Svizzera si impegnerà affinché le sue priorità siano prese in considerazione nei dibattiti e nelle decisioni del Consiglio di sicurezza e affinché le norme adottate dal Consiglio di sicurezza in questi settori, nonché la loro attuazione, vengano ulteriormente rafforzate. La Svizzera ha inoltre intenzione di organizzare incontri ed eventi su questi temi, soprattutto nei previsti due mesi di presidenza del Consiglio di sicurezza.

Impegno per la pace e la sicurezza: la Svizzera ha tutte le carte in regola  

Neutralità, esperienza nel campo del dialogo e della ricerca del consenso, competenze e successi nella risoluzione pacifica delle controversie: la Svizzera dispone di una serie di punti di forza che ne fanno la candidata ideale per il Consiglio di sicurezza dell’ONU. In caso di nomina coinvolgerà, in ogni circostanza, attori chiave del sistema delle Nazioni Unite, della società civile, dell’economia privata e del mondo accademico nella ricerca di soluzioni, e se necessario ricorrerà alla Ginevra internazionale e al proprio ruolo di Stato ospite. La partecipazione al Consiglio di sicurezza dell’ONU si baserà sugli interessi e sui valori della Svizzera definiti nella Strategia di politica estera 2020–2023 del Consiglio federale.

Prossimo passo: consultazione delle Commissioni della politica estera

Le Commissioni della politica estera del Consiglio nazionale e del Consiglio degli Stati saranno ora formalmente consultate su queste priorità. Ciò è in linea con quanto richiesto dalle stesse CPE ed è stabilito nel rapporto dell’Esecutivo dell’11 settembre 2020 sul seggio della Svizzera al Consiglio di sicurezza dell’ONU e il coinvolgimento del Parlamento. Le consultazioni si svolgeranno presumibilmente durante l’estate, prima che il Consiglio federale adotti le priorità in via definitiva.


Informazioni supplementari:

Candidatura della Svizzera al Consiglio di sicurezza dell'ONU


Indirizzo per domande:

Dipartimento federale degli affari esteri DFAE
Comunicazione DFAE
Tel. +41 58 460 55 55
kommunikation@eda.admin.ch


Editore

Il Consiglio federale
Dipartimento federale degli affari esteri

Ultima modifica 28.01.2022

Contatto

Comunicazione DFAE

Palazzo federale ovest
3003 Berna

Telefono (solo per i giornalisti):
+41 58 460 55 55

Telefono (per tutte le altre richieste):
+41 58 462 31 53