Inizio pagina

Comunicato stampa, 17.09.2021

La Svizzera verrà considerata fino a nuovo ordine Paese terzo non associato al programma quadro di ricerca e innovazione dell’UE «Orizzonte Europa» e ai relativi programmi e iniziative. Lo status in questione permette ai ricercatori operanti in Svizzera di partecipare alla maggior parte dei progetti di partenariato ma preclude loro l’accesso ai progetti singoli. Per tale ragione, il 17 settembre 2021 il Consiglio federale ha deciso di introdurre misure transitorie da mantenere in vigore fino all’avvenuta associazione.

Lo status di Paese terzo non associato consente ai ricercatori e agli innovatori operanti in Svizzera di partecipare alla maggior parte dei progetti di partenariato del programma quadro dell’UE «Orizzonte Europa», il quale risulta così accessibile per due terzi. I finanziamenti non sono però erogati dalla Commissione europea bensì dalla Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l’innovazione (SEFRI).

È invece preclusa la partecipazione ai progetti singoli, quali le prestigiose borse di studio del Consiglio europeo della ricerca (European Research Council, ERC) e del Consiglio europeo dell’innovazione (European Innovation Council, EIC) e le Azioni Marie Skłodowska-Curie (MSCA).

Tuttavia, la Commissione europea sta esaminando le proposte di progetto presentate dalla Svizzera per i primi bandi di concorso del 2021 pubblicati dall’ERC («Starting Grants» e «Consolidator Grants») e dall’EIC («Accelerator»). In caso di valutazione positiva, la SEFRI potrà erogare finanziamenti diretti a ricercatori e aziende.

A titolo di compensazione per la mancata partecipazione ai bandi «Advanced Grants» dell’ERC e «Postdoctoral Fellowships» 2021 delle MSCA, il Dipartimento federale dell’economia, della formazione e della ricerca (DEFR) incarica il Fondo nazionale svizzero (FNS) di attuare alcune misure transitorie. Queste ultime valgono anche per i bandi ERC «Starting Grants» e «Consolidator Grants» 2022, qualora i bandi non prevedano la possibilità di candidarsi per i ricercatori svizzeri. Nella misura del possibile, le misure transitorie fanno riferimento ai bandi di concorso europei, pur contemplando scadenze diverse per la presentazione dei progetti.

Il DEFR presenterà ulteriori provvedimenti di questo tipo a Innosuisse, all’Agenzia spaziale europea (ESA) e ad altri stakeholder.

Le misure saranno sottoposte al Parlamento nel quadro di un annuncio ulteriore a complemento del preventivo 2022 nella sessione invernale 2021; l’entrata in vigore è subordinata alla decisione del Parlamento. L’obiettivo del Consiglio federale rimane una piena e rapida associazione della Svizzera al programma. Tuttavia, l’UE valuta la questione dell’associazione della Svizzera a «Orizzonte Europa» nel contesto globale delle relazioni con il nostro Paese e al momento non vi sono negoziati in vista.

«Orizzonte Europa»:

«Orizzonte Europa» (2021- 2027) è il più grande programma di ricerca e innovazione al mondo e vanta un budget di oltre 95 miliardi di euro. Congiuntamente a «Next Generation EU», il pacchetto di misure straordinarie per favorire la ripresa, si prefigge di promuovere la transizione verde e quella digitale in tutta Europa. La Svizzera era pienamente associata al programma precedente («Orizzonte 2020») e punta al medesimo status per «Orizzonte Europa» e per i programmi e le attività connesse (Euratom, ITER e Digital Europe).


Indirizzo per domande:

Comunicazione SG-DEFR
info@gs-wbf.admin.ch
+41 58 462 20 07


Editore

Il Consiglio federale
Dipartimento federale dell
Dipartimento federale degli affari esteri

Ultima modifica 28.01.2022

Contatto

Comunicazione DFAE

Palazzo federale ovest
3003 Berna

Telefono (solo per i giornalisti):
+41 58 460 55 55

Telefono (per tutte le altre richieste):
+41 58 462 31 53