La Svizzera chiede di porre fine alla colonizzazione israeliana

Berna, Comunicato stampa, 23.07.2009

Il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) è profondamente preoccupato per la distruzione di case palestinesi in atto a Gerusalemme Est, nei pressi della città vecchia, e per le espulsioni previste e chiede al governo israeliano di cessare immediatamente queste operazioni e di porre fine ad ogni forma di colonizzazione del Territorio palestinese occupato. La richiesta è stata trasmessa direttamente alle autorità israeliane.

Il DFAE segue con preoccupazione gli eventi in corso a Gerusalemme Est e deplora la distruzione di abitazioni perpetrata dal governo israeliano e gli ordini di espulsione emanati nei confronti di famiglie palestinesi. Esso chiede al governo israeliano di non procedere alla costruzione di nuovi alloggi su aree di proprietà palestinese nel quartiere di Sheikh Jarrah. Gerusalemme Est è parte integrante del Territorio palestinese occupato. In base al diritto internazionale umanitario Israele è tenuto a proteggere la popolazione. 

La Svizzera ritiene che la colonizzazione israeliana e la distruzione di case nel Territorio palestinese occupato costituiscano una violazione del diritto internazionale umanitario, che vieta agli occupanti di distruggere i beni del territorio occupato e di trasferirvi popolazione civile. Non è data nessuna necessità di tipo militare che possa giustificare tali operazioni di distruzione e di espulsione. 

La continuazione della colonizzazione è incompatibile con un vero processo di pace che persegue una soluzione globale e duratura del conflitto israelo-palestinese. 


Indirizzo per domande:

Servizio stampa e informazione
Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna
Tel.: (+41) 031 322 31 53
Fax: (+41) 031 324 90 47
E-Mail: info@eda.admin.ch


Editore

Dipartimento federale degli affari esteri