Il capo del DFAE incontra i promotori dell’Iniziativa di Ginevra

Berna, Comunicato stampa, 30.06.2009

La consigliera federale Micheline Calmy-Rey ha ricevuto oggi Yossi Beilin e Yasser Abbed-Rabo, i due promotori dell’Iniziativa di Ginevra. Si è discusso dei lavori realizzati nel corso degli ultimi mesi sugli allegati agli accordi di Ginevra, che descrivono in dettaglio le modalità di un possibile accordo di pace.

L’accordo modello mirante a stabilire una pace equa fra Israeliani e Palestinesi è stato approvato nel 2003 dai partner dell’Iniziativa di Ginevra. Nel corso degli ultimi mesi, è stata realizzata una serie di allegati con cui si intendono disciplinare i dettagli di un possibile accordo di pace. Yossi Beilin e Yasser Abbed-Rabo hanno presentato oggi alla Consigliera federale i risultati dei loro sforzi, che sono stati sostenuti dalla Svizzera. La presentazione è stata seguita da uno scambio di vedute sui passi da intraprendere per proseguire sulla via aperta dall’Iniziativa di Ginevra.  

L’Iniziativa di Ginevra rappresenta il modello più dettagliato di ciò che una soluzione a due Stati può prefigurare. Costituisce una fonte d’ispirazione privilegiata per chi deve prendere decisioni politiche nella regione e in seno alla comunità internazionale, poiché affronta nel dettaglio le questioni più difficili, quali lo statuto di Gerusalemme, la sorte dei rifugiati, il tracciato delle frontiere o ancora la forma di una presenza internazionale. 

Negli ultimi sei anni, assieme ad altri Paesi, la Svizzera ha sostenuto finanziariamente con un importo di circa 1 milione di franchi all’anno il segretariato dell’Iniziativa di Ginevra, con sede a Tel Aviv e a Ramallah. Scopo di queste attività è in particolare di fare conoscere il contenuto dell’Iniziativa in seno ad ampie parti della popolazione e di elaborare formule dettagliate che rendano concreta la soluzione dei due Stati.


Indirizzo per domande:

Servizio stampa e informazione
Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna
Tel.: (+41) 031 322 31 53
Fax: (+41) 031 324 90 47
E-Mail: info@eda.admin.ch


Editore

Dipartimento federale degli affari esteri