La Svizzera preoccupata per l’arresto di Liu Xiaobo

Berna, Comunicato stampa, 25.06.2009

La Svizzera esprime la sua preoccupazione per l’arresto formale del militante dei diritti dell’uomo Liu Xiaobo, in stato di detenzione dal dicembre 2008. Liu Xiaobo è uno dei firmatari della «Carta 2008», in cui si esorta la Cina a proseguire le sue riforme politiche.

La Svizzera ritiene che la libertà di espressione è un elemento fondamentale dei diritti dell’uomo che va rispettato in ogni circostanza e chiede al governo cinese di garantire a Liu Xiaobo il diritto a un processo equo e ad essere difeso da un avvocato di sua scelta.


Indirizzo per domande:

Servizio stampa e informazione
Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna
Tel.: (+41) 031 322 31 53
Fax: (+41) 031 324 90 47
E-Mail: info@eda.admin.ch


Editore

Dipartimento federale degli affari esteri