Partecipazione della Svizzera alla missione navale antipirateria Atalanta

Berna, Comunicato stampa, 25.02.2009

Il Consiglio federale ha incaricato il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) in collaborazione con il Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS) di negoziare con l’Unione europea un accordo di partecipazione alla missione navale antipirateria Atalanta.

Una partecipazione della Svizzera all’operazione UE NAVFOR Atalanta si limita all’impiego di forze militari per proteggere le navi del Programma alimentare mondiale (PAM) e, all’occorrenza, può essere estesa alla protezione delle navi mercantili svizzere che transitano nella zona operativa Atalanta. In base al mandato, l’esercito svizzero può intervenire unicamente per proteggere le navi e per difenderle contro gli attacchi dei pirati. Un’operazione militare offensiva per terra o per mare di lotta alla pirateria che trascenda il mandato di protezione di polizia militare è esclusa. 

L’impegno militare della Svizzera coinvolge un numero massimo di trenta persone. Sono messi a disposizione dell’operazione NAVFOR Atalanta: una squadra medica composta da un medico e da personale infermieristico, un massimo di quattro ufficiali di Stato maggiore, due gruppi provenienti dalle formazioni d’esplorazione e di granatieri dell’esercito e tre specialisti di questioni giuridiche. 

L’impiego dell’esercito si fonda sull’articolo 69 della legge federale sull’esercito e sull’amministrazione militare. Si tratta di un servizio d’appoggio all’estero volto, nel caso in cui si renda necessario proteggere navi del PAM, a sostenere l’aiuto umanitario e a proteggere le navi svizzere. Il servizio serve anche a salvaguardare gli interessi svizzeri. 

I costi straordinari generati dall’impegno della Svizzera ammontano a 9,8 milioni di franchi circa. In occasione della prossima sessione di quest’anno, il Consiglio federale sottoporrà alle Camere federali per approvazione il messaggio concernente l’invio di militari nell’ambito dell’operazione Atalanta affinché lo autorizzino a siglare l’accordo di partecipazione tra la Svizzera e l’UE. 

Inoltre, il Consiglio federale ha incaricato il DDPS di preparare una modifica della legge militare al fine di istituire una chiara base legale per la partecipazione dell'esercito a futuri interventi del genere dell'operazione NAVFOR Atalanta. Il disegno riguardante questa modifica della legge militare sarà sottoposto all'Assemblea federale contemporaneamente al messaggio concernente l'approvazione dell'impiego dell'esercito nell'ambito dell'operazione NAVFOR Atalanta.

Ulteriori informazioni:
Ambasciatore Jacques Pitteloud, Capo della Segreteria politica DFAE, +41 79 619 12 82


Indirizzo per domande:

Servizio stampa e informazione
Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna
Tel.: (+41) 031 322 31 53
Fax: (+41) 031 324 90 47
E-Mail: info@eda.admin.ch


Editore

Dipartimento federale degli affari esteri
Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport