Relazioni bilaterali Svizzera–Haiti

Haiti e la Svizzera intrattengono relazioni strette e l’impegno della Svizzera è notevole soprattutto a livello della società civile. Il fatto di condividere la lingua francese costituisce un importante fattore di avvicinamento. La Svizzera ha rafforzato il proprio intervento umanitario nel Paese dopo il sisma del 2010 e a seguito di numerose catastrofi naturali, come gli uragani nel 2016 e nel 2017.

Priorità delle relazioni diplomatiche

Nel luglio del 2011 la rappresentanza svizzera di Port-au-Prince è diventata un’ambasciata. Specializzata inizialmente in programmi e progetti della cooperazione internazionale, oggi svolge in maniera coordinata attività di aiuto umanitario, di cooperazione allo sviluppo, di sicurezza umana e di promozione della francofonia.

Ad Haiti sono attive molte organizzazioni non governative (ONG) svizzere; la piattaforma «Haiti in Svizzera» ne riunisce una ventina.

Un accordo quadro tra la Svizzera e Haiti nel settore della cooperazione in ambito tecnico e dell’aiuto umanitario è stato firmato nel luglio del 2014.

Banca dati dei trattati internazionali

Governo haitiano, (fr)

Cooperazione economica

Il volume degli scambi commerciali tra i due Paesi è esiguo. Nel 2018 il volume delle importazioni da Haiti ha raggiunto gli 8 milioni CHF circa, quello delle esportazioni dalla Svizzera verso Haiti è stato pari a 1,9 milioni CHF.

Sostegno commerciale, Swizerland Global Enterprise SGE

Cooperazione allo sviluppo e aiuto umanitario

La Svizzera sostiene progetti di sviluppo ad Haiti dalla fine degli anni 1990. Dopo il sisma del 2010 ha intensificato il proprio impegno umanitario nel Paese e nella sua strategia di cooperazione attuale mette l’accento su progetti di sviluppo a lungo termine.

La Svizzera si concentra su questioni relative allo Stato di diritto e al buongoverno, sullo sviluppo dell’economia rurale e della sicurezza alimentare oltre che sulla ricostruzione e sulla riduzione dei rischi di catastrofi naturali. Per la cooperazione bilaterale allo sviluppo e gli interventi di aiuto umanitario, ad Haiti ogni anno vengono stanziati in media 18,5 milioni di CHF e per un totale di 74 milioni CHF per il periodo 2018-2021.

Cooperazione allo sviluppo e aiuto umanitario

Scambi culturali

Tra le diverse attività, la Svizzera partecipa al finanziamento del Festival internazionale di jazz di Port-au-Prince.

Le svizzere e gli svizzeri ad Haiti

In base alla statistica sugli Svizzeri all’estero, nel 2018 ad Haiti risiedevano 115 cittadini svizzeri.

Storia delle relazioni bilaterali

Nel 1804 Haiti, a quel tempo colonia francese, proclama la propria indipendenza. La Svizzera riconosce subito il nuovo Stato. Nel 1935, dopo un periodo di occupazione del Paese da parte delle truppe americane, la Svizzera vi apre un consolato onorario, trasformato in consolato nel 1959 e in consolato generale nel 2006. Nel 2011 il consolato generale diventa un’ambasciata.

I servizi consolari della rappresentanza di Port-au-Prince vengono trasferiti nel giugno del 2011 al Centro consolare regionale di Santo Domingo.

La Svizzera ha rappresentato gli interessi di Haiti in vari Stati durante la Seconda guerra mondiale e a Cuba dal 1964 al 1967.

Haiti, dizionario storico della Svizzera

Documenti Diplomatici Svizzeri, Dodis