Inizio pagina

Conferenza sulla riforma ucraina, 4-5 luglio 2022, Lugano (URC2022)

Il 4 e 5 luglio 2022 la Svizzera ospiterà a Lugano la quinta conferenza sulla riforma ucraina (URC2022). L’organizzazione congiunta di questo evento internazionale da parte della Svizzera e dell’Ucraina è pienamente in linea con le priorità tematiche (pace e sicurezza, prosperità, sostenibilità e digitalizzazione) della Strategia di politica estera del nostro Paese.

Situazione attuale

La Svizzera, di concerto con i suoi partner ucraini, valuta costantemente la situazione. Fino a nuovo avviso la Conferenza sulla riforma ucraina è ancora in programma a Lugano il 4 e 5 luglio 2022. I lavori preparatori proseguono; si stanno analizzando le tematiche e i contenuti più utili all’Ucraina considerato il contesto attuale.

Il logo della conferenza sulla riforma dell'Ucraina indica che si terrà a Lugano, in Svizzera, nel 2022.
La conferenza sulle riforme in Ucraina avrà luogo il 4-5 luglio 2022 a Lugano. (© DFAE)

La Svizzera sostiene in questo modo un Paese colpito dall’unico conflitto armato attualmente in corso nel continente europeo e, con il suo impegno, si situa al quinto posto tra i donatori bilaterali. Inoltre, l’Ucraina è uno dei rari Paesi in cui la Svizzera attua la Strategia di cooperazione internazionale con tutti gli strumenti a disposizione (cooperazione allo sviluppo, aiuto umanitario e promozione della pace).

La conferenza in Svizzera sarà l’occasione per promuovere un approccio inclusivo e di responsabilità condivisa a favore delle riforme in Ucraina. Per la Svizzera è l’occasione di mettere a disposizione dell’Ucraina il know-how, l’impegno e la posizione unica di Paese europeo non membro dell’UE e della NATO. Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy, il presidente della Confederazione e capo del DFAE  Ignazio Cassis, una ventina di ministri, rappresentanti dell’economia privata e della società civile sono attesi a Lugano il 4 e 5 luglio 2022 per la quinta conferenza internazionale sulla riforma ucraina.

Nei mesi che precedono la conferenza ministeriale, vari eventi preparatori «On the road to Lugano» avranno luogo sia in Ucraina che fuori dal Paese. Il filo conduttore dell’edizione svizzera «URC2022: Reforms for All, All for Reforms» sottolinea il carattere inclusivo e la responsabilità condivisa delle autorità centrali, regionali e locali, del settore privato, delle università, della società civile e delle cittadine e dei cittadini per il successo duraturo delle riforme in Ucraina. 

Punti chiave del processo della conferenza sulla riforma ucraina

  •  Dopo l‘Euromaidan del 2013-2014, l’Ucraina ha intrapreso un ambizioso programma di riforme. Nel corso degli ultimi sette anni le autorità ucraine hanno realizzato più riforme che nei due decenni che hanno seguito la sua indipendenza nel 1991. L’Euromaidan ha cristallizzato le aspirazioni verso la via e i valori europei in termini di scelta del contratto sociale e di orientamento internazionale. Mentre la rivoluzione Euromaidan è stata una potente fonte d’ispirazione e di motivazione per le riforme del Paese, l’accordo di associazione e di libero scambio dell’UE e la liberalizzazione dei visti hanno contribuito a consolidare il programma delle riforme. Quelle ancora oggi emblematiche sono la riforma del settore bancario, la decentralizzazione e la trasformazione digitale.
  • Il ciclo di conferenze annuali sulle riforme in Ucraina «URC» consente di passare in rassegna ogni anno gli sviluppi in materia dal suo lancio a Londra nel 2017 (2018 Copenaghen, 2019 Toronto e 2021 solo a Vilnius a causa della pandemia di COVID-19). L’obiettivo è di permettere all’Ucraina di presentare i suoi progressi, ai partner internazionali di esprimere il loro sostegno e a tutte le parti interessate di considerare le prossime tappe delle riforme. Il ministro degli esteri del Paese ospite e il ministro degli esteri ucraino organizzano congiuntamente la conferenza.
  • Negli ultimi anni numerose personalità del mondo della politica, dell’economia, della società civile, dell’Europa e dell’America del Nord hanno partecipato alle conferenze URC. Tenuto conto dell’importanza del processo di riforma per il Paese, il presidente Zelenskyy ha deciso, sin dalla suo elezione nel 2019, di partecipare a queste conferenze. Oltre ai rappresentanti degli Stati, sono invitate anche importanti organizzazioni come l’FMI, la Banca Mondiale, la BERS, la BEI, l’UE, la NATO, l’OCSE, il PNUS e il Consiglio d’Europa.  

URC2021 Vilnius

Il 7 e l’8 luglio 2021 la Lituania e l’Ucraina ospitano congiuntamente la conferenza sulla riforma ucraina (URC2021) a Vilnius. È la quarta conferenza del processo URC, dopo quelle di Londra (2017), Copenaghen (2018) e Toronto (2019). Per l’Ucraina l’URC è l’occasione di presentare i suoi risultati concreti e i suoi obiettivi politici oltre il 2021.

URC2021 Vilnius

URC2019 Toronto

La conferenza sulla riforma ucraina è un evento internazionale annuale importante che si concentra sull’avanzamento delle riforme in Ucraina. La terza conferenza ha avuto luogo dal 2 al 4 luglio 2019 a Toronto, in Canada. La conferenza sulla riforma ucraina è una tappa fondamentale che riunisce le autorità ucraine e i partner internazionali per valutare le trasformazioni e le riforme democratiche che hanno avuto luogo nel Paese dal 2014.

URC2019 Toronto

URC2018 Copenhagen

Il 27 giugno 2018 la Danimarca insieme all’Ucraina ha ospitato a Londra la conferenza internazionale sulla riforma ucraina: «Un motore per il cambiamento». 

URC2018 Copenhagen

URC2017 Londra

Il 6 luglio 2017 il Regno Unito insieme all’Ucraina ha ospitato a Londra una grande conferenza internazionale sulla riforma ucraina. Dal 2014 l’ondata di riforme in Ucraina è stata la più ampia e la più profonda dalla sua indipendenza. Tuttavia, c’è ancora molta strada da fare e l’impegno del Governo ucraino e il continuo sostegno internazionale saranno cruciali. La conferenza ha riunito l’Ucraina e i suoi partner internazionali per rafforzare il sostegno alle riforme.

URC2017 London

Ultima modifica 16.03.2022