Relazioni bilaterali Svizzera–Polonia

Le ottime relazioni tra la Svizzera e la Polonia vantano una lunga tradizione e lo scambio tra i due Paesi a livello economico e culturale è intenso. La Polonia è stata tra i beneficiari del contributo svizzero all’allargamento dell’UE.

Priorità delle relazioni diplomatiche

I due Paesi curano strette relazioni diplomatiche, che si sono continuamente intensificate dalla fine della Guerra fredda. Oggi sono più fitte e intense che mai, come dimostrano le visite di Stato del 2012 e del 2014. Negli ultimi dieci anni una delle priorità delle relazioni bilaterali è stata rappresentata dall’intensa collaborazione nell’ambito del contributo svizzero all’allargamento. Inoltre, nei settori della formazione, della ricerca, dell’innovazione e della migrazione vi è stata un’intensificazione degli scambi. La Svizzera e la Polonia collaborano a stretto contatto anche in seno agli organismi internazionali. 

Banca dati dei trattati internazionali

Cooperazione economica

Le relazioni economiche tra i due Paesi sono caratterizzate da un’evoluzione dinamica. La Polonia è la principale destinazione delle esportazioni svizzere in Europa centrale. Nel 2016 il volume di scambi commerciali è stato pari a 4 miliardi CHF.

Nel 2003 è stato istituito presso l’Ambasciata svizzera a Varsavia uno «Swiss Business Hub». In seno al Fondo monetario internazionale (FMI) e alla Banca Mondiale la Polonia e la Svizzera fanno parte dello stesso gruppo di Paesi.

Swiss Business Hub Polonia (de)

Sostegno commerciale, Switzerland Global Enterprise

Informazioni sul Paese, Segreteria di Stato dell’economia SECO

Cooperazione nel settore dell’istruzione, della ricerca e dell’innovazione

I ricercatori svizzeri e polacchi collaborano in oltre 400 progetti nell’ambito del programma Orizzonte 2020.

I ricercatori e gli artisti polacchi possono richiedere una borsa di studio d’eccellenza universitaria della Confederazione Svizzera alla Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l’innovazione (SEFRI).

Borse d’eccellenza della Confederazione Svizzera per ricercatori e artisti stranieri, SEFRI

Contributo svizzero all’allargamento

La Polonia è stata tra i beneficiari del contributo svizzero per la riduzione delle disparità economiche e sociali nell’UE allargata. Si è trattato del più grande programma di cooperazione bilaterale mai finanziato dalla Svizzera, con un importo complessivo di 489 milioni CHF e 58 progetti realizzati. Oltre il 40% del contributo è stato destinato alle regioni meno sviluppate del Sud-Est del Paese. Circa un quarto dei mezzi è stato invece impiegato in progetti di promozione dell’efficienza energetica e delle energie rinnovabili nel settore privato e pubblico (edifici e infrastrutture).

Polonia – Paese partner del contributo svizzero all’allargamento

Scambi culturali

Dal 1994 al 2013 Pro Helvetia ha avuto una succursale dapprima a Cracovia e, in seguito, a Varsavia; dalla sua chiusura l’organizzazione gestisce le proprie attività in Polonia dalla sede principale a Zurigo.

Dal 1870, con un’interruzione tra il 1945 e il 1954, il castello di Rapperswil ospita un museo polacco. Inoltre, a Morges e Soletta sono attive associazioni culturali polacche.

Le svizzere e gli svizzeri in Polonia

In base alla Statistica sugli Svizzeri all’estero, alla fine del 2016 in Polonia risiedevano 844 cittadini svizzeri.

Statistica sugli Svizzeri all’estero, DFAE

Storia delle relazioni bilaterali

La Svizzera è rappresentata in Polonia da un’ambasciata aperta a Varsavia nel 1921, mentre l’Ambasciata di Polonia in Svizzera è stata inaugurata già nel 1919.

Prima e durante la Seconda guerra mondiale numerosi cittadini polacchi famosi trascorrono l’esilio in Svizzera; tra il 1939 e il 1945 la Svizzera accoglie come deportati internazionali 13 000 soldati polacchi giunti nel nostro Paese per sfuggire alla Wehrmacht tedesca dopo aver combattuto con l’esercito francese.

Dopo la caduta della cortina di ferro le relazioni tra la Svizzera e la Polonia, che si basano su una pluriennale amicizia, si consolidano.

Durante la fase di transizione degli anni 1990, verso la Polonia confluisce la parte più consistente degli aiuti svizzeri a favore dell’Europa orientale, per un totale di 264 milioni CHF.

Polonia, Dizionario storico della Svizzera