Relazioni bilaterali Svizzera–Lesotho

La cooperazione svizzera allo sviluppo è attiva in Lesotho nell’ambito del suo programma di cooperazione regionale nei settori della sicurezza alimentare e dell’HIV/AIDS nell’Africa meridionale, che si concluderà nel 2022. Il fatto che il Paese ami presentarsi come «la Svizzera dell’Africa australe», mettendo in risalto le proprie risorse turistiche, conferisce alla Svizzera una visibilità positiva.

Priorità delle relazioni diplomatiche

La Svizzera ha messo a punto una strategia per l’Africa subsahariana per il periodo 2021-2024.

I rapporti al vertice sono rari. Una delegazione ufficiale del Lesotho (ministro dei governi locali) ha visitato la Svizzera nel 2009.

L’ambasciatore svizzero residente a Pretoria (Sudafrica) è accreditato presso il re del Lesotho, mentre quello del Lesotho a Ginevra lo è presso il Consiglio federale.

Banca dati dei trattati internazionali

Strategia Africa subsahariana 2021–2024 (PDF, 48 Pagine, 3.1 MB, Italiano)

Cooperazione economica

Gli scambi commerciali diretti tra i due Paesi sono modesti, in quanto i prodotti svizzeri consumati in Lesotho sono importati attraverso il Sudafrica. Nel 2008 è entrato in vigore un accordo di libero scambio tra l’Associazione europea di libero scambio (AELS) e i Paesi dell’Unione doganale dell’Africa australe (SACU), che comprende Lesotho, Botswana, Namibia, Eswatini e Sudafrica.

Sostegno commerciale, Switzerland Global Enterprise SGE

Cooperazione nei settori della formazione, della ricerca e dell’innovazione

I ricercatori e gli artisti del Lesotho possono candidarsi per una borsa di studio d’eccellenza della Confederazione Svizzera presso la Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l’innovazione (SEFRI).

Borse d’eccellenza della Confederazione Svizzera per ricercatori e artisti stranieri SEFRI

Promozione della pace e sicurezza umana

La Svizzera contribuisce al rafforzamento del processo elettorale e democratico nei Paesi della Comunità di sviluppo dell’Africa australe (Southern African Development Community, SADC), di cui il Lesotho fa parte.

Cooperazione allo sviluppo e aiuto umanitario

Nel quadro del programma regionale per l’Africa australe (RPSA) della Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC), la Svizzera sostiene progetti nei settori della sicurezza alimentare e dell’HIV/AIDS.

Al momento in Lesotho sono in corso tre progetti, ma il sostegno finanziario della Svizzera diminuirà gradualmente per cessare nel 2024, in conformità con la Strategia di cooperazione internazionale 2021–2024.

Cooperazione allo sviluppo e aiuto umanitario

Le svizzere e gli svizzeri in Lesotho

In base alla Statistica sugli Svizzeri all’estero, alla fine del 2020 in Lesotho risiedevano 7 cittadini svizzeri e in Svizzera 7 cittadini del Lesotho.

Storia delle relazioni bilaterali

Le relazioni tra la Svizzera e il Lesotho nascono con i missionari protestanti stabilitisi dal 1859 a Morija, nella stazione fondata dal francese Eugène Casalis, che fu consulente del re Moshoeshoe, unificatore della nazione basotho.

Il Consiglio federale riconosce l’indipendenza del Lesotho il 4 ottobre 1966 e i due Paesi allacciano relazioni diplomatiche nel 1967. L’ufficio locale della DSC chiude nel 2005.

Lesotho, Dizionario storico della Svizzera

Documenti diplomatici svizzeri, Dodis

Ultima modifica 15.02.2022

+41 800 24-7-365 / +41 58 465 33 33

365 giorni all'anno - 24 ore su 24

La Helpline DFAE funge da interlocutore per rispondere alle domande riguardanti i servizi consolari.

Fax +41 58 462 78 66

helpline@eda.admin.ch

vCard Helpline DFAE (VCF, 5.5 kB)

Twitter

Chiamata gratuita dall’estero con Skype

Se l’applicazione Skype non è installata sul computer o sullo smartphone apparirà un messaggio di errore. In tal caso installare l’applicazione cliccando sul link seguente: 
Download Skype

Skype: helpline-eda

Inizio pagina