Valutazioni

La DSC giudica i suoi progetti, i suoi programmi e le sue strategie, come pure le questioni istituzionali, mediante valutazioni. Queste ultime promuovono l’apprendimento, forniscono una base oggettiva per il processo decisionale nell’ambito della gestione e servono per il rendiconto nei confronti della politica e dell’opinione pubblica.

Oltre alla rilevanza e all’efficacia dei programmi della DSC, le valutazioni mirano anche a verificare come cambiano le condizioni di vita di un determinato gruppo di popolazione in seguito a un intervento (impatto), qual è il rapporto tra i risultati ottenuti e le risorse impiegate (efficienza) e se i benefici di un’attività continuano anche dopo la cessazione del sostegno sul posto da parte della DSC (sostenibilità).

Affinché i progetti possano essere valutati in una fase successiva, è fondamentale il modo in cui sono stati pianificati. Per questo motivo la DSC definisce obiettivi, criteri di valutazione e misure di revisione già nella fase di sviluppo dei progetti e dei programmi. Inoltre, migliora continuamente i metodi per la revisione e la valutazione dei risultati del proprio lavoro.

Le valutazioni della Sezione Valutazione e controllo di gestione (E+C) sono condotte secondo i criteri internazionali di valutazione del Comitato di aiuto allo sviluppo (CAS) dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE). La DSC si attiene inoltre alle disposizioni e agli standard della Società svizzera di valutazione (SEVAL).

Gestione delle valutazioni

La DSC commissiona le proprie valutazioni a esperte ed esperti o a istituti specializzati.

Vari tipi di valutazione

Panoramica dei tipi di valutazione più frequenti alla DSC.