Panoramica dell’economia svizzera

Coltellini svizzeri su un tavolo da lavoro
Come nel caso del coltellino svizzero, i prodotti e i servizi svizzeri si distinguono per l’elevata qualità e affidabilità. © Presenza Svizzera

L’economia svizzera è una delle più competitive del mondo, grazie soprattutto al suo settore terziario. In confronto ad altri Paesi la Svizzera ha un basso indebitamento e dispone di un sistema fiscale competitivo. L’economia svizzera è composta innanzitutto da piccole e medie imprese ed è orientata alle esportazioni.

Il relativamente basso indebitamento dello Stato (in confronto ad altri Paesi) è stato raggiunto grazie a un freno alla spesa. Dall’adozione delle misure di risparmio, la Confederazione chiude regolarmente con un avanzo. Un sistema fiscale di tipo federale consente di applicare imposte relativamente basse per le persone giuridiche, caratteristica questa che rende la Svizzera una piazza interessante per le imprese. Ecco perché molti gruppi multinazionali hanno deciso di impiantare la loro sede in Svizzera. 

Il fulcro dell’economia svizzera è però composto da piccole e medie imprese, le cosiddette PMI, molte delle quali sono orientate alle esportazioni, ragione per cui la Svizzera chiude regolarmente con un avanzo della bilancia commerciale.

Economia: fatti e cifre

Grazie soprattutto al settore dei servizi, l’economia svizzera è tra le più competitive al mondo.

Finanze pubbliche

Rispetto alla situazione di altri Paesi, il debito pubblico in Svizzera è ridotto. Da diversi anni i conti dello Stato si chiudono con un’eccedenza.

Fiscalità

In Svizzera il carico fiscale sulle persone fisiche e giuridiche è tra i più bassi d’Europa.

Imprese

Le piccole e medie imprese costituiscono la spina dorsale dell’economia svizzera. Tuttavia, anche numerose multinazionali si sono stabilite nel Paese.

Commercio estero

Povera di materie prime ma dotata di manodopera altamente qualificata, la Svizzera intrattiene strette relazioni commerciali con l’estero.

Ricerca e sviluppo

La Svizzera è tra i Paesi che, a livello internazionale, investono maggiormente in ricerca e sviluppo.