Validi il:
Diffusi il: 05.12.2019

Questi Consigli di viaggio sono stati aggiornati interamente. Si raccomanda di fare molta attenzione alla sicurezza personale. In alcune zone del paese sono sconsigliati i viaggi.


Consigli di viaggio - Sudan

Valutazione sommaria

Si raccomanda di fare molta attenzione alla sicurezza personale. In alcune zone del paese sono sconsigliati i viaggi.

L'11 aprile 2019, è stato compiuto un colpo di stato militare. In seguito, tumulti e scontri tra i dimostranti e le forze di sicurezza hanno causato vittime e feriti.

Il 17 agosto 2019, il Consiglio militare e i partiti dell’opposizione hanno firmato un accordo in base al quale verrà instaurato un governo di transizione. Da allora la situazione della sicurezza si è calmata nonostante delle tensioni esistenti. Un nuovo deterioramento della situazione non può essere escluso.

Manifestazioni di massa, blocchi stradali e scioperi sono possibili in qualsiasi momento. Occorre considerare l’eventualità che le forze di sicurezza disperdano queste azioni con la violenza. Vi è il rischio di ritrovarsi all’improvviso in mezzo a scontri violenti.

In tutto il Paese è in vigore lo stato di emergenza. Questo autorizza fra l’altro le autorità a perquisire le case senza mandato di perquisizione, a limitare la libertà di assemblea e di movimento e a imporre il coprifuoco.

Si verificano penurie di carburante, d'elettricità e di generi alimentari.

In alcune zone del Paese sono in corso conflitti armati. In molte regioni del Paese vi è il pericolo di mine terrestri e proiettili inesplosi.

In certe regioni il rischio di sequestro è considerato elevato (capitolo rischi regionali specifici); nel resto del Paese questo rischio non può essere escluso. Prestare anche attenzione alla rubrica
Terrorismo e sequestri

In caso di tumulti, blocchi stradali e scioperi, la libertà di movimento del personale dell’ambasciata è limitata. La Svizzera ha quindi in determinate circostanze possibilità limitate o addirittura nulle di prestare aiuto in casi d’emergenza o di offrire supporto per lasciare il territorio.

Per informazioni sui collegamenti aerei nazionali e internazionali rivolgersi alle compagnie aeree.

Informarsi, prima e durante il viaggio, tramite i media e l'operatore turistico in merito alla situazione attuale. Evitare blocchi stradali, manifestazioni e assembramenti di qualsiasi tipo e attenersi alle disposizioni delle autorità locali (per esempio coprifuochi). Limitare i viaggi all’interno del Paese ad un minimo indispensabile e chiarire precedentemente lo stato della sicurezza.

Pericoli locali specifici

Per quanto riguarda la descrizione delle zone a rischio, le indicazioni fornite sono approssimative; i pericoli non possono essere circoscritti esattamente a una precisa regione.

Sudan meridionale: Nelle zone di frontiera con il Sudan del Sud la situazione di sicurezza resta instabile. Ci sono scontri armati tra l'esercito e dei gruppi ribelli specialmente nelle province del Kordofan del sud e del Nilo Azzurro. Dall’agosto 2011 è presente una Forza di pace ONU ad Abyei. Si sconsigliano i viaggi nelle province del Sud Kordofan, Blue Nile e nella regione di Abyei (Abyei Administrative Area). Evitare anche ampiamente tutte le zone di frontiera tra il Sudan e il Sudan del Sud. In tali zone vi è inoltre il pericolo di mine.

Darfur et Kordofan del Nord: La sicurezza è precaria a causa della criminalità elevata e dei conflitti tribali. C'è sempre il rischio di sequestri. Il 7 ottobre 2017 una cittadina Svizzera è stata rapita nel Darfur del Nord. In febbraio 2015 due cittadini russi sono stati rapiti. A più riprese sono stati sequestrati collaboratori di istituzioni di soccorso. Inoltre, esiste ancora un conflitto interno armato nella regione attorno al Jebel Marra (Darfur). Si sconsigliano i viaggi nella regione del Darfur nonché nel Kordofan del Nord.

Sudan orientale (Gedaref, Kassala, Red Sea): nell'ottobre 2006 i ribelli locali e il Governo hanno concluso un accordo di pace. Ciononostante, le tensioni persistono. In settembre e novembre 2019, dei conflitti tribali a Port Sudan hanno causato parecchi morti e feriti. Si raccomanda di informarsi tramite i media e l'operatore turistico sulla situazione attuale prima del viaggio e durante il soggiorno. Attenersi alle istruzioni delle autorità locali (coprifuochi ecc.).

Regione frontaliera con l’Eritrea: Nella regione frontaliera con l’Eritrea, sono attivi i contrabbandieri (contrabbando di merce e di esseri umani). La situazione è tesa. Si sconsigliano i viaggi nella regione frontaliera con l’Eritrea.

Confine con l'Egitto e la Libia: Nelle regioni di confine con l'Egitto e la Libia sono attivi banditi e contrabbandieri. Il rischio di sequestro è alto. Sono sconsigliati i viaggi nel triangolo Egitto-Libia-Sudan, il Gabal Uwainat compreso. Evitare con ampio margine tutta la regione di confine con l'Egitto et la Libia.

Criminalità

Si raccomanda di osservare le usuali misure precauzionali contro la microcriminalità che è in aumento. Non si possono escludere rapimenti con richieste di riscatto in tutto il Paese. Si raccomanda di osservare le misure preventive seguenti:

  • Ai viaggiatori si consiglia prudenza soprattutto negli aeroporti, alle fermate dei bus e nei mercati.
  • Evitare di spostarsi la notte.
  • Nelle città, informarsi presso conoscenti, partner commerciali o in albergo in merito alla situazione locale, in particolar modo se vi sono quartieri da evitare.

Trasporti e infrastrutture

All'interno del Paese le strade sono generalmente in pessime condizioni o inesistenti. Molti luoghi possono essere raggiunti solo mediante strade non asfaltate (piste) non sempre riconoscibili, nonostante figurino sulle carte stradali. Un apparecchio di navigazione e scorte sufficienti di acqua, cibo, carburante e pezzi di ricambio sono di vitale importanza. Si raccomanda di intraprendere i viaggi esclusivamente in gruppi di più veicoli fuoristrada.

Spesso la manutenzione degli aerei per i voli interni non soddisfa gli standard europei o internazionali.

Non possono essere escluse restrizioni delle comunicazioni telefoniche e di Internet come pure delle reti sociali.

Disposizioni giuridiche specifiche

La giustizia applica la sharia (giurisprudenza islamica).

Per fotografare è necessaria un'autorizzazione. Anche se si è in possesso di un'autorizzazione, è vietato fotografare persone in uniforme, installazioni militari ed edifici pubblici (aeroporti, ponti ecc.).

Possesso e consumo di alcool sono punibili come pure le relazioni extraconiugali e omosessuali. Le attività missionarie sono illegali e vengono punite severamente.

Le infrazioni alla legge sugli stupefacenti sono punite con vari anni d’incarcerazione e/o fustigazioni. In caso di recidiva può venir inflitta la pena capitale.

Le condizioni di detenzione sono precarie.

Particolarità culturali

Il Sudan è un Paese a maggioranza islamica. Si raccomanda di rispettare gli usi e costumi locali, di vestirsi secondo le abitudini della regione e di fotografare le persone solo con il loro consenso. Informarsi nelle guide turistiche, presso la propria agenzia di viaggi o sul posto in merito alle regole comportamentali. Si deve considerare che durante il Ramadan vigono regole e prescrizioni particolari. 

Pericoli naturali

Piogge violente tra giugno e settembre e sporadiche tempeste di sabbia in maggio e giugno possono provocare problemi di breve durata e limitare il traffico (aereo).

Assistenza medica

Fuori da Khartoum e Port Sudan l'assistenza medica di base non è garantita. Gli ospedali richiedono un pagamento anticipato in contanti prima di trattare i pazienti. Malattie e ferite serie vanno curate all'estero (Europa).

Se si necessita di particolari farmaci, occorre prevederne una scorta sufficiente. Va ricordato tuttavia che in molti Paesi esistono prescrizioni particolari da rispettare qualora s'intenda portare con sé medicinali contenenti sostanze stupefacenti (ad esempio il metadone) e psicotrope. Si consiglia di informarsi eventualmente prima del viaggio direttamente presso la rappresentanza estera competente (ambasciata o consolato) e di consultare la rubrica Link per il viaggio, dove figurano ulteriori informazioni su questo argomento e in generale sul tema viaggi e salute.
Medici e centri di vaccinazione informano in merito al diffondersi di malattie e alle possibili misure di protezione.
 

Consigli specifici

Portare sempre con sé il passaporto, in modo da potersi identificare in occasione dei numerosi controlli di sicurezza.

Indirizzi utili

Prescrizioni doganali del Sudan: Customs Authority

Rappresentanze svizzere all'estero: in caso di emergenza all'estero, è possibile rivolgersi alla rappresentanza svizzera più vicina o alla Helpline DFAE.
Ambasciata di Svizzera a Khartum
Helpline DFAE

Rappresentanze estere in Svizzera: per ottenere informazioni in merito all'entrata nel Paese (documenti autorizzati, visti, ecc.) occorre rivolgersi all'ambasciata o al consolato competente. Quest'ultimi danno inoltre ragguagli sulle prescrizioni doganali per l'importazione o l'esportazione di animali o di merci: apparecchi elettronici, souvenir, medicamenti, ecc.
Rappresentanze estere in Svizzera

Clausola di esclusione della responsabilità
I Consigli di viaggio del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) poggiano su fonti d'informazione proprie, reputate degne di fede. I Consigli di viaggio sono utili indicazioni ausiliarie per programmare un viaggio in modo accurato. Il DFAE non si assume tuttavia la responsabilità né della pianificazione né dello svolgimento del viaggio.
Le situazioni di pericolo sono spesso imprevedibili e confuse e possono mutare rapidamente. Il DFAE non garantisce la completezza dei consigli di viaggio e la correttezza delle informazioni riportate nelle pagine esterne collegate al sito. Declina ogni responsabilità per eventuali danni legati a un viaggio. Le pretese derivanti dall’annullamento di un viaggio vanno avanzate direttamente all’agenzia di viaggio o alla compagnia presso la quale si è stipulata l’assicurazione di viaggio.