Relazioni bilaterali Svizzera–Senegal

Le relazioni bilaterali tra la Svizzera e il Senegal sono eccellenti e caratterizzate da numerosi interessi comuni. La volontà dei due Paesi di prendere iniziative a livello multilaterale, in particolare in seno all’ONU e all’Organizzazione internazionale della Francofonia, dimostra il loro impegno a trovare soluzioni condivise per alcune questioni globali.

Priorità delle relazioni diplomatiche

La Svizzera ha elaborato e approvato una strategia per l’Africa subsahariana per il periodo 2021-2024.

Il Senegal rientra nella categoria delle cosiddette «leonesse economiche», ossia di quei Paesi africani che presentano un grande potenziale economico, in particolare in termini di investimenti e di scambi commerciali, e hanno una crescita dinamica.

La Svizzera e il Senegal mantengono contatti stretti e diversificati. Gli incontri ad alto livello sono frequenti.

I due Paesi hanno concluso accordi nei settori del commercio, dell’aviazione, della protezione degli investimenti, della cooperazione tecnica e in materia di cambiamento climatico (art. 6 dell’Accordo di Parigi). 

Strategia Africa subsahariana 2021–2024 (PDF, 3.1 MB, Italiano)

Banca dati dei trattati internazionali

Cooperazione economica

Nel 2020 il volume degli scambi è stato pari a 485 milioni CHF, con una diminuzione del 22% rispetto al 2019. Il Senegal è così diventato il decimo partner commerciale della Svizzera nel continente africano in ordine di importanza. Questa diminuzione è da ricondurre principalmente a un calo del 22% delle importazioni di oro senegalese nello stesso anno. La Svizzera ha esportato macchinari non elettrici, prodotti farmaceutici, prodotti tessili e veicoli.

Il Paese africano ospita attualmente oltre una ventina di aziende svizzere. L’Ambasciata di Svizzera a Dakar nota però un interesse crescente da parte delle imprese svizzere a investire e/o esportare in Senegal. 

Cooperazione nei settori della formazione, della ricerca e dell’innovazione

La Confederazione sostiene il Senegal nei suoi sforzi per introdurre un sistema I ricercatori e gli artisti senegalesi possono candidarsi per una borsa di studio d’eccellenza della Confederazione Svizzera presso la Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l’innovazione (SEFRI).

Borse d’eccellenza della Confederazione Svizzera per ricercatori e artisti stranieri SEFRI

Promozione della pace e sicurezza umana

La sicurezza e la stabilità nell’Africa occidentale costituiscono una priorità per la Svizzera. La collaborazione con il Senegal in campo multilaterale è particolarmente proficua nei settori dell’acqua, della pace, della sicurezza e della prevenzione dell’estremismo violento. 

Le svizzere e gli svizzeri in Senegal

In base alla Statistica sugli Svizzeri all’estero, alla fine del 2020 in Senegal risiedevano 356 cittadini svizzeri e in Svizzera 1514 cittadini senegalesi.

Storia delle relazioni bilaterali

La Svizzera apre un consolato a Dakar nel 1928. In Senegal a quell’epoca vivono circa 100 cittadini svizzeri. Nel 1960, quando il Senegal ottiene l’indipendenza dalla Francia, la Svizzera riconosce immediatamente il nuovo Stato. Le relazioni diplomatiche vengono avviate l’anno successivo. Dal 1962 al 2010 la Svizzera fornisce aiuto allo sviluppo nel Paese africano.

Senegal, Dizionario storico della Svizzera

Documenti diplomatici svizzeri, Dodis