Relazioni bilaterali Svizzera–Danimarca

I due Paesi sono molto simili non solo in termini di estensione territoriale e di popolazione, ma anche per i punti di vista e gli interessi che spesso condividono a livello multilaterale.

Priorità delle relazioni diplomatiche

Su questioni riguardanti la prevenzione dei conflitti, la democrazia, i diritti umani, il diritto internazionale umanitario e la cooperazione allo sviluppo, Svizzera e Danimarca condividono sotto molti aspetti valori e interessi comuni. Il grande impegno della Danimarca in favore dell’ambiente e dello sviluppo sostenibile prospetta molteplici opportunità di cooperazione.

In ambito multilaterale gli interessi di Svizzera e Danimarca vanno spesso nella stessa direzione. Nel settore della politica economica e di sicurezza, invece, i due Paesi hanno orientamenti diversi a seguito dell’inquadramento istituzionale della Danimarca in seno all’Unione europea e all’Organizzazione del Trattato dell’Atlantico del Nord (NATO).

Banca dati dei trattati internazionali

Cooperazione nei settori della formazione, della ricerca e dell'innovazione

La Svizzera e la Danimarca applicano entrambe un sistema di formazione professionale duale orientato al mercato del lavoro. La Danimarca è tra i partner strategici di più lunga data della Svizzera per quanto riguarda la formazione professionale, un settore in cui i due Paesi intrattengono uno scambio regolare su sfide e interessi comuni.

Le università svizzere e danesi portano avanti una lunga ed eccellente cooperazione nel settore della ricerca climatica in Groenlandia.

I ricercatori e gli artisti danesi possono candidarsi per una borsa di studio d’eccellenza della Confederazione svizzera presso la Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l’innovazione (SEFRI).

Borse d’eccellenza della Confederazione svizzera per ricercatori e artisti stranieri, SEFRI

Scambi culturali

Nell’ambito della cooperazione culturale attivamente promossa e sostenuta dall’Ambasciata svizzera, attualmente la priorità è data alla promozione del design svizzero nonché ai settori dell’architettura, della francofonia e della letteratura svizzera. Grazie al sostegno finanziario di Pro Helvetia sono stati organizzati inoltre numerosi concerti di musicisti svizzeri e manifestazioni nel settore delle arti visive e figurative.

Il celebre Monumento del Leone di Lucerna è stato progettato dallo scultore danese Bertel Thorvaldsen, a testimonianza della lunga tradizione di scambi culturali tra i due Paesi. In Danimarca quest’opera è nota come «Schweizerløven».

Storia delle relazioni bilaterali

I primi contatti ufficiali tra la Svizzera e la Danimarca risalgono al XVII secolo, quando la Dieta federale si batté per la permanenza di emigranti ugonotti e piemontesi in Danimarca. Il fiorire delle relazioni commerciali tra la Svizzera e la Danimarca culminò nell’istituzione di un consolato danese a Berna (1850) e successivamente anche a San Gallo (1854), Ginevra (1866), Zurigo, Basilea e La Chaux-de-Fonds.

Alla conferenza della Croce Rossa Internazionale nel 1864 la Danimarca espresse il desiderio di siglare con la Svizzera un Trattato di amicizia e di domicilio, poi sottoscritto nel 1875.

Per tutelare i propri interessi commerciali, la Svizzera aprì nel 1887 un consolato onorario a Copenaghen, trasformato in consolato generale nel 1921. Fino al 1945 gli interessi della Svizzera furono rappresentati tramite la sua legazione a Stoccolma. Nel 1945 il Consolato generale a Copenaghen fu convertito in legazione e nel 1957 elevato al rango di Ambasciata.

Nel 1918 l’incaricato d’affari danesi prese servizio a Berna e nel 1920, con l’avvio a pieno titolo delle relazioni diplomatiche, fu accreditato come ministro plenipotenziario.

Danimarca, Dizionario storico della Svizzera