Validi il:
Diffusi il: 12.02.2019

Questi Consigli di viaggio sono stati aggiornati interamente (province sconsigliate).


Consigli di viaggio - Burkina Faso

Valutazione sommaria

A chi intraprende viaggi in Burkina Faso si raccomanda di fare molta attenzione alla sicurezza personale. Si sconsigliano i viaggi in alcune zone del Paese.

Si registrano tensioni politiche latenti che possono esplodere nonostante fasi tranquille. Durante dimostrazioni e scioperi sono possibili tumulti come pure scontri violenti tra i dimostranti e le forze di sicurezza. Anche le tensioni etniche possono provocare atti di violenza.

Nella lotta contro bande criminali e terroristiche, il 31 dicembre 2018, il governo ha dichiarato lo stato di emergenza in parti delle regioni di Hauts-Bassins, Boucle du Mouhoun, Nord, Sahel, Est e Centre-Est. Lo stato di emergenza autorizza fra l’altro le autorità a perquisire case senza mandato di perquisizione, a limitare la libertà di assemblea e di movimento o a imporre il coprifuoco, ecc.

In dicembre 2018, una coppia di occidentali è scomparsa tra Bobo Dioulasso e Ouagadougou. Il loro destino rimane incerto

A Ouagadougou come in tutto il Paese persiste il rischio di attacchi terroristici. Esempi di attacchi:

  • Il 2 marzo 2018, un attacco terroristico all'Ambasciata francese e al Quartier generale delle Forze armate nel centro di Ouagadougou ha provocato più morti e feriti.
  • Il 13 agosto 2017 un attentato ad un ristorante di Ouagadougou amato dagli stranieri ha provocato parecchi morti e feriti.
  • Nella notte del 15 gennaio 2016, sono stati perpetuati degli attentati contro un hotel e due ristoranti a Ouagadougou. Hanno provocato numerosi morti e feriti tra i quali anche stranieri.

A causa dell’elevato rischio di sequestri, si sconsigliano i viaggi nelle provincie frontaliere con il Mali, Niger e Benin. Osservare le informazioni nel capitolo pericoli locali specifici. Il rischio non può essere escluso nemmeno nelle altre parti del paese.

Prestare attenzione anche alla rubrica terrorismo e sequestri.
Terrorismo e sequestri

Prima e durante il viaggio, informarsi presso le autorità locali sulla situazione della sicurezza. Anche se ci si è opportunamente informati presso le autorità locali, non si possono escludere rischi elevati. Restare informati tramite i media e seguire le indicazioni delle autorità locali (per esempio coprifuochi). Restare in contatto con l'operatore turistico.

Pericoli locali specifici

Per quanto riguarda la descrizione delle zone a rischio, le indicazioni fornite sono approssimative; i pericoli non possono essere circoscritti esattamente ad una precisa regione.

Province confinanti con il Mali, il Niger e il Benin:
Terroristi e bande armate prendono d’assalto posti di polizia e villaggi. In molte regioni del Sahara e del Sahel sono attivi bande armate e terroristi islamici che vivono di contrabbando e di sequestri. Sono perfettamente organizzati, operano anche al di là dei confini nazionali e hanno contatti con gruppi criminali locali. Dal mese di novembre 2009 diversi stranieri sono stati sequestrati nella zona del Sahara/Sahel e anche nel Burkina Faso.
A causa dell’elevato rischio di sequestri, si sconsigliano i viaggi di qualsiasi tipo a destinazione delle province confinanti con il Mali (inclusa la provincia di Houet), il Niger e il Benin. Questo vale anche per i parchi Nazionali W e Arly.
Consultare le informazioni sugli appositi siti internet:
Pericolo di sequestro nel Sahara e nel Sahel
Terrorismo e sequestri

Centro, est e sudest del Paese:
Da febbraio 2018 il numero delle aggressioni armate è aumentato. Terroristi e bande armate prendono d’assalto posti di polizia e villaggi. Fanno anche uso di cariche esplosive, persino sulle strade principali. Sparatorie tra le forze dell’ordine e bande armate possono coinvolgere anche persone non implicate. Si sconsigliano i viaggi turistici e tutti gli altri viaggi non urgenti a destinazione delle province Sanmatenga, Manentenga, Gnagna, Gourma, Kompienga und Koulpélogo. Si raccomanda di informarsi presso le autorità locali sulla situazione di sicurezza attuale prima e durante i viaggi urgenti. Farsi accompagnare da una persona di fiducia del luogo e agire con la massima prudenza.
Si sconsgliano i viaggi di ogni genere a destinazione delle province confinanti con il Niger e il Benin (v. sopra).

Zona di confine con la Costa d'Avorio:
Nelle province confinanti con la Costa d’Avorio, sono operative bande di criminali armati. Nella provincia di Comoé, la presenza di gruppi terroristici non può essere esclusa. Si sconsigliano i viaggi nella provincia di Comoé. Informarsi prima e durante i viaggi nelle provincie di Poni e Noumbiel presso le autorità locali in merito alla situazione securitaria e usare la massima prudenza.

Criminalità

La povertà è molto diffusa e ha portato ad un amento della microcriminalità e della criminalità violenta. Le automobili sono sempre più bersaglio di brigantaggio. Si raccomanda di osservare le misure precauzionali seguenti:

  • non indossare oggetti di valore (orologi, gioielli ecc.) e tenere con sé solo poco denaro;
  • depositare i documenti importanti (passaporto, biglietto aereo, assegni ecc.) in un luogo sicuro. Portare comunque sempre su sé una fotocopia del passaporto;
  • evitare le passeggiate la notte;
  • non viaggiare soli, ma solo in compagnia di una persona di fiducia o di una guida esperta del luogo;
  • Su tutti i tratti stradali del Paese sussiste il pericolo di aggressioni da parte di rapinatori («coupeurs de route»). Il pericolo esiste anche sugli assi stradali principali tra le grandi città. Si raccomanda di chiedere informazioni sulla sicurezza alle autorità locali.
  • attraversare il Paese esclusivamente di giorno e possibilmente sulle strade nazionali asfaltate;
  • agli uomini d'affari si raccomanda grande prudenza nell'intraprendere nuove relazioni commerciali e di farsi rappresentare da società o agenzie affidabili ed esperte.

 Sono comuni le truffe dall’Africa occidentale in cui le vittime sono invitate via e-mail e con pretesti di ogni tipo a versare denaro o anticipi. Trattasi spesso di truffa se:

  • viene chiesto un pagamento rapido in seguito ad un'emergenza medica o di altro genere (rapina, arresto, problema con le autorità, problema di visto ecc.);
  • occorre indicare riferimenti bancari per il trasferimento di eredità o altro denaro;
  • vengono fatte offerte con promesse di guadagni ingenti;
  • si ricevono documenti di prova apparentemente ufficiali, spesso falsificati.

Trasporti e infrastrutture

Ad eccezione degli assi principali, le strade sono in pessimo stato e durante il periodo delle piogge (da giugno a settembre) sono parzialmente impraticabili. Il comportamento imprevedibile di molti utenti e il bestiame errante provocano incidenti. Anche per tali motivi sono sconsigliati i viaggi notturni.

Disposizioni giuridiche specifiche

Gli atti omosessuali sono punibili. È vietato fotografare persone in uniforme, installazioni militari e edifici pubblici (aeroporti, ponti ecc.). In linea di massima anche per effettuare foto dal contenuto turistico occorre l'autorizzazione del Ministère de la Communication. Le infrazioni alla legge sugli stupefacenti sono punite con diversi anni di incarcerazione. Le condizioni di detenzione sono precarie. 

Particolarità culturali

La maggioranza della popolazione del Burkina Faso è di religione musulmano. Adeguare l'abbigliamento agli usi e costumi locali. Informarsi nelle guide turistiche, presso la propria agenzia di viaggi o sul posto in merito alle regole comportamentali.

Assistenza medica

L'assistenza medica è garantita solo in modo molto limitato ed è particolarmente critica nelle regioni discoste. Gli ospedali richiedono un pagamento anticipato prima di trattare i pazienti. Può essere utile munirsi di materiale proprio per bendaggi e di siringhe monouso. Malattie e ferite serie vanno curate all'estero (Europa).

Se si necessita di particolari farmaci, occorre prevederne una scorta sufficiente. Va ricordato tuttavia che in molti Paesi vigono prescrizioni particolari per portare con sé medicinali contenenti sostanze stupefacenti (ad esempio il metadone) e sostanze per la cura di malattie psichiche. Si consiglia di informarsi eventualmente prima del viaggio direttamente presso la rappresentanza estera competente (ambasciata o consolato) e di consultare la rubrica Link per il viaggio, dove figurano ulteriori informazioni su questo argomento e in generale sul tema viaggi e salute.
Medici e centri di vaccinazione informano in merito al diffondersi di malattie e alle possibili misure di protezione

Indirizzi utili

Numero di emergenza della polizia: 17 o 25 30 63 83
Numero di emergenza della gendarmerie: 80 00 11 45 o 25 30 62 71
Numero di emergenza dell'ambulanza: 25 30 66 44 o 25 30 66 45

Rappresentanze svizzere all'estero: in caso di emergenza all'estero, è possibile rivolgersi alla rappresentanza svizzera più vicina o alla Helpline DFAE.
Ambasciata di Svizzera à Abidjan, Côte d’ivoire 
Ufficio della cooperazione della Svizzera, Ouagadougou
Helpline DFAE

Rappresentanze estere in Svizzera: per ottenere informazioni in merito all'entrata nel Paese (documenti autorizzati, visti, ecc.) occorre rivolgersi all'ambasciata o al consolato competente. Quest'ultimi danno inoltre ragguagli sulle prescrizioni doganali per l'importazione o l'esportazione di animali o di merci: apparecchi elettronici, souvenir, medicamenti, ecc.
Rappresentanze estere in Svizzera

Clausola di esclusione della responsabilità
I Consigli di viaggio del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) poggiano su fonti d'informazione proprie, reputate degne di fede. I Consigli di viaggio sono utili indicazioni ausiliarie per programmare un viaggio in modo accurato. Il DFAE non si assume tuttavia la responsabilità né della pianificazione né dello svolgimento del viaggio.
Le situazioni di pericolo sono spesso imprevedibili e confuse e possono mutare rapidamente. Il DFAE non garantisce la completezza dei consigli di viaggio e la correttezza delle informazioni riportate nelle pagine esterne collegate al sito. Declina ogni responsabilità per eventuali danni legati a un viaggio. Le pretese derivanti dall’annullamento di un viaggio vanno avanzate direttamente all’agenzia di viaggio o alla compagnia presso la quale si è stipulata l’assicurazione di viaggio.