Riforma del sistema di formazione professionale slovacco

Progetto concluso
Tre giovani apprendisti panettieri mostrano il pane che hanno appena sfornato.
Gli apprendisti della scuola professionale di Bratislava per la trasformazione alimentare e i servizi alberghieri ricevono una formazione che li prepara ad affrontare il mercato del lavoro slovacco.© DSC ©

Questo progetto si pone l'obiettivo di riformare il sistema di formazione professionale slovacco e prevede un migliore orientamento dei programmi di formazione alle esigenze del mercato del lavoro locale. Secondo le statistiche, il tasso di disoccupazione giovanile in Slovacchia si attesta attorno al 30 per cento. Tuttavia, molti settori in Slovacchia riferiscono di avere difficoltà nel reperire personale adeguatamente formato e auspicano pertanto una formazione professionale più orientata alla pratica. Per tale ragione questo progetto promuove attivamente la collaborazione tra scuole professionali, associazioni del settore e organizzazioni dei datori di lavoro. La Svizzera assume in questo ambito la funzione di modello di riferimento  e, con la sua consolidata esperienza nel sistema di formazione duale, svolge un ruolo importante nell’attuazione di queste riforme.

Paese/Regione Tema Periodo Budget
Slovacchia
Favorire la crescita economica e migliorare le condizioni di lavoro
VocationalTraining
Sviluppo regionale e occupazione
26.01.2012 - 31.03.2017
CHF 3'885'000

N.B.: i testi in tutte le rubriche, ad eccezione di quella intitolata «risultati raggiunti», descrivono la situazione prima dell’inizio del progetto.

Gruppi target

Apprentices, young employees, professional associations and VET institutions across the country

Attività

On the basis of analyses of the current situation in Slovakia compared with that of Switzerland, new VET course programmes are being developed and tested until 2016 together with Slovakian professional organisations in five industries. VET school teachers are also receiving training. For the duration of the project, a nationwide campaign is being run to promote the dual VET system with various information and communication activities.

Risultati

Risultati raggiunti:  

  • State educational programs were updated in 6 fields (including 3 new and 3 updated normatives): electro-technics, technical and applied chemistry, food processing, construction, geodesy and cartography, economy, organization, business and services as well as applied chemistry.
  • 230 pupils at 10 technical high schools were involved in the testing of the innovated educational programmes.
  • 124 (target value: 120) promotional activities were realized. VET promotion was being tested at 10 participating technical high schools.
  • Partnerships between employers and VET schools created,
    requirements of the entrepreneurs formulated
  • Updated educational programmes on national and school levels
  • Capacities of VET teachers and trainers have been enhanced and in-company trainings realised.
  • 5 educational branches analyzed in more than 20 joint workshops in order to determine the needs of the private sector regarding the wished skills of school leavers. The modified curricula are being applied at 10 pilot-schools.
  • 10 short film spots about the schools involved in the project prepared
  • Website and Facebook page dedicated to the support of vocational education created
  • In order to change the general attitude towards vocational education, 63  promotional activities have been realized.
  • Cooperation in VET promotion was established at 50 primary schools.


Direzione/Ufficio responsabile DSC
Credito Contributo svizzero all'allargamento dell'UE
Partner del progetto Partner contrattuale
Instituzione statale straniera
  • National State Institute North


Budget Fase in corso Budget Svizzera CHF   3'885'000 Budget svizzero attualmente già speso CHF   3'641'871
Fasi del progetto

Fase 1 26.01.2012 - 31.03.2017   (Completed)

La Svizzera sostiene in Slovacchia una formazione professionale duale orientata al mercato del lavoro

In Svizzera predomina un tipo di formazione professionale che si snoda contemporaneamente tra azienda e scuola professionale di base. La cosiddetta formazione duale è un punto di forza della Svizzera. Questa formazione, che punta a creare la massima aderenza con le qualifiche professionali effettivamente richieste sul mercato e con i posti di lavoro disponibili, consente alla Svizzera di vantare una percentuale di forza lavoro altamente qualificata più elevata rispetto a quella di  altri Paesi europei.

Un sistema di formazione orientato alla pratica aumenta le opportunità nel mondo del lavoro

La Repubblica slovacca non prevede ancora un tale sistema di formazione. Le scuole professionali insegnano agli allievi teoria e senza conoscere le aspettative delle aziende nei confronti dei diplomati e l'evoluzione del mercato del lavoro. Questo approccio determina lacune tra le abilità insegnate durante la formazione e le reali necessità delle imprese. Questo fenomeno alimenta la disoccupazione in particolare tra i giovani che non hanno mai esercitato un'attività lavorativa.

Il progetto viene realizzato in stretta collaborazione con l'Istituto statale di formazione professionale della Slovacchia SIOV e l'Istituto universitario federale per la formazione professionale IUFFP.

Il progetto prevede le attività illustrate di seguito.

Scambio di competenze e analisi della situazione: una delegazione di progetto slovacca ha visitato vari istituti svizzeri per farsi un quadro del sistema di formazione duale in vigore in Svizzera. Una delegazione dell'Istituto universitario federale per la formazione professionale IUFFP ha ricambiato la visita recandosi in Slovacchia. I rappresentanti dell'Istituto statale di formazione professionale della Slovacchia SIOV hanno analizzato la situazione della formazione professionale in Slovacchia in più settori, mettendola a confronto con le esigenze del mercato del lavoro. Ai fini di questa ricerca hanno impiegato un metodo dell'Istituto universitario federale per la formazione professionale IUFFP. 

Scelta delle organizzazioni professionali: dopo una serie di colloqui è stata messa a punto una lista di organizzazioni professionali slovacche disponibili a una collaborazione nell'ambito di questo progetto. Si tratta di organizzazioni dei settori chimico, edile, elettrotecnico, alimentare e della ristorazione. Hanno il compito di far confluire nel progetto le esigenze del settore privato e di fornire il sostegno necessario affinché le richieste del mercato del lavoro siano inserite nei piani d'insegnamento.

Trasferimento di esperienze svizzere: esperti di sei scuole professionali in ambito tecnico, chimico, edile, del vetro, della panetteria-pasticceria e dei parrucchieri sono stati formati dallo IUFFP.

Sviluppo di nuovi programmi di formazione: sulla base delle delle analisi passate e d’intesa con le organizzazioni internazionali sono stati  sviluppati nuovi programmi di formazione («Curricula»), che sono stati anche testati e valutati a livello pratico in varie scuole professionali. Di conseguenza anche istruttori e insegnanti hanno seguito e seguono corsi di formazione per apprendere i contenuti e i metodi dei nuovi programmi. Nuovi macchinari e attrezzature permetteranno di avvicinare ancora di più la teoria alla pratica.

Maggiore attrattiva per il sistema di formazione professionale slovacco: nelle scuole vengono presentati vantaggi e lati positivi della formazione professionale, soprattutto in settori in cui la domanda supera l'offerta. Un impegno congiunto con il Governo mira a incrementare l'interesse verso la formazione professionale: giornate di visita, conferenze stampa e workshop informeranno in merito alla riforma e campagne nazionali saranno avviate allo scopo di aumentare l'attrattiva di questo tipo di formazione. La migliore pubblicità resta tuttavia il successo dei diplomati al momento della ricerca di un lavoro.