Misure per la tutela degli ecosistemi minacciati

Progetto concluso

La Svizzera finanzia due progetti per la tutela della biodiversità a sostegno di ecosistemi minacciati in Slovacchia. Il primo è inteso a promuovere il monitoraggio e la ricerca scientifica in ambito forestale, il secondo è consacrato alla conservazione e alla tutela di aree naturali e habitat nei Carpazi slovacchi. Il contributo del nostro Paese ai due progetti è di circa 4,2 milioni di franchi svizzeri in totale.

Paese/Regione Tema Periodo Budget
Slovacchia
Proteggere l’ambiente
Biodiversity
Biodiversità
01.07.2011 - 31.12.2016
CHF 2'088'000

N.B.: i testi in tutte le rubriche, ad eccezione di quella intitolata «risultati raggiunti», descrivono la situazione prima dell’inizio del progetto.

Il cambiamento climatico e l’inquinamento ambientale minacciano l’esistenza di un gran numero di ecosistemi, come foreste, habitat naturali e aree protette, che svolgono una serie di funzioni importanti e rappresentano la base vitale di innumerevoli forme di vita. In molte regioni rurali della Slovacchia, gran parte della popolazione è occupata, direttamente o indirettamente, nell’industria del legname o nel settore turistico. Foreste e aree naturali forniscono pertanto preziosi posti di lavoro. Nell’ambito del contributo svizzero alla riduzione delle disparità economiche e sociali nell’Unione europea allargata, la Svizzera sostiene due progetti per la tutela di questi territori nella Slovacchia.

Progetto 1: monitoraggio degli ecosistemi e ricerca scientifica in ambito forestale

Per poter valutare con precisione se una foresta presenta un equilibrio ecologico bisogna disporre di dati complessi. Per raccogliere questi dati occorrono moderni strumenti di misurazione, i quali peraltro presentano un costo elevato e richiedono opportune conoscenze specialistiche. Il progetto denominato «Monitoring and research of forest ecosystems» offre sostegno alla Slovacchia sia nell’ambito del rilevamento e dell’elaborazione dei dati, sia in quello della pianificazione forestale. L’appoggio fornito consente ad autorità e servizi forestali di valutare le condizioni delle foreste e di intervenire prontamente e in modo mirato ed efficace in caso di emergenza.

Fotogrammetria aerea digitale moderna ed efficiente per la tutela delle foreste

Il progetto finanzia tre attività concrete correlate, destinate a migliorare considerevolmente il monitoraggio e le ricerche in ambito forestale condotti in Slovacchia:

  1. il progetto prevede l’aggiornamento e il completamento delle carte nazionali delle aree boschive slovacche. La disponibilità di carte nazionali tridimensionali esaustive e precise rappresenta la prima condizione per una gestione sostenibile ed economicamente vantaggiosa del patrimonio forestale.

  2. Tale monitoraggio sarà reso possibile grazie alla seconda attività prevista nell’ambito del progetto, ossia il finanziamento di moderne attrezzature che consentano una realizzazione meno costosa e qualitativamente migliore di modelli digitali del territorio e della superficie.

  3. Nella terza e ultima fase del progetto, che riguarderà un’area forestale prescelta e sarà condotta in collaborazione con il partner svizzero, l'Istituto federale di ricerca per la foresta, la neve e il paesaggio (WSL), sono previsti un corso di addestramento all’impiego del nuovo materiale e un trasferimento di conoscenze nel campo del monitoraggio a distanza delle foreste. Il contributo svizzero a questo progetto ammonta a quasi 2,1 milioni di franchi.

Progetto 2: stabile miglioramento della tutela delle aree protette e degli habitat naturali nella regione dei Carpazi

Obiettivo del secondo progetto, denominato «Development of nature conservation and of protected areas in the Slovak Carpathians», è il miglioramento della tutela e dello sfruttamento sostenibile di aree naturali e habitat nella regione dei Carpazi slovacchi. Il progetto prevede l’elaborazione di direttive per il futuro sviluppo di queste aree e la promozione del trasferimento delle conoscenze. Per la popolazione slovacca, il progetto presenta una duplice utilità: oltre a migliorare le condizioni ambientali nella regione, esso promuove anche l’attrattiva dei Carpazi slovacchi come meta turistica, creando ulteriori fonti di guadagno per la popolazione locale.

Misure complementari per la salvaguardia della natura, anche nell’interesse della popolazione

Il progetto comporta concretamente varie attività complementari, precisando anzitutto l’attuale categorizzazione e classificazione delle aree protette nella regione dei Carpazi. Questa attività costituisce un’importante premessa per la stesura di direttive di protezione efficaci, prevista in un secondo tempo come parte del progetto. La fase conclusiva prevede il ripristino di sentieri didattici e la realizzazione di filmati e altro materiale promozionale in merito ai territori interessati, che saranno poi distribuiti ai centri informazioni ed enti turistici nazionali.

Alcune di queste aree naturali si trovano in cattive condizioni e sono pertanto state radiate dall’inventario degli ecosistemi meritevoli di protezione in Slovacchia. Il progetto, cui partecipano sia organismi locali che svizzeri, prevede l’elaborazione di piani per il recupero di queste aree onde consentirne il reinserimento nel circuito degli habitat naturali da proteggere. Il contributo svizzero a questo progetto si eleva a quasi 2,1 milioni di franchi svizzeri.

 

Grazie alla modernissima tecnologia di sensori telecomandata possiamo reagire molto meglio alle molteplici sfide che oggi la silvicoltura si trova ad affrontare oltre che al suo contributo allo sviluppo e all’attuazione della politica del governo slovacco. Queste tecnologie all’avanguardia ci permettono di valutare meglio le conseguenze del mutamento climatico sulla salute e sulla vitalità degli ecosistemi forestali. Migliori procedure di pianificazione offrono inoltre vantaggi diretti ai proprietari di terreni forestali, alle comunità locali e all’economia del Paese nel suo insieme. Infine, un più facile accesso del pubblico a una raccolta estesa di dati di relativi alla silvicoltura contribuirà a creare la premessa per una gestione e un utilizzo migliore dei boschi a favore di tutti i cittadini della Slovacchia.

Milan Lalkovic,
Direttore generale, centro forestale nazionale della Repubblica slovacca