Comunicato stampa

Elencazione in ordine cronologico degli ultimi 12 comunicati stampa del DFAE e di informazioni, prese di posizione, annunci e articoli del Dipartimento.

Tutti i comunicati stampa sono accessibili attraverso il «News Service» della Confederazione.

News Service della Confederazione

Ordina i risultati per
Seleziona il periodo

Tutte (3192)

Oggetto 25 – 36 di 3192

Lesbo: la Svizzera fornisce aiuto sul luogo e partecipa all’accoglienza di minori non accompagnati

11.09.2020 — Comunicato stampa EDA
Dopo il devastante incendio nel campo profughi di Moria sull’isola greca di Lesbo nella notte del 9 settembre 2020, la Svizzera ha reagito rapidamente offrendo senza indugio aiuto umanitario al governo greco. Oltre all’aiuto sul luogo, la Svizzera partecipa anche all’accoglienza di 400 minori non accompagnati. La SEM ha espresso l’intenzione di accogliere 20 bambini e giovani provenienti dal campo profughi devastato dall’incendio. La ricollocazione completa dei migranti di Moria non è al momento prioritaria nell’UE. Nella riunione dell’11 settembre 2020, il Consiglio federale è stato informato sulla situazione.


Coronavirus: niente quarantena al rientro da una regione di confine

11.09.2020 — Comunicato stampa EDA
Nella sua seduta dell’11 settembre 2020, il Consiglio federale ha definito le regole di quarantena per chi rientra in Svizzera da uno Stato confinante: i Paesi limitrofi non vengono inseriti nell’elenco degli Stati e delle regioni con rischio elevato di contagio, ma soltanto le loro regioni in cui è superato il valore limite. Le regioni di confine possono essere escluse dall’elenco. In questo modo il Consiglio federale tiene conto sia dell’aumento in parte forte delle infezioni che delle strette interazioni tra le regioni di confine. L’ordinanza modificata entra in vigore il 14 settembre 2020. Contemporaneamente viene aggiornato l’elenco delle regioni a rischio.


Svizzera e Uzbekistan firmano un accordo in vista della restituzione di fondi confiscati

11.09.2020 — Comunicato stampa EDA
La Svizzera e l’Uzbekistan hanno firmato un accordo quadro per la restituzione all’Uzbekistan di fondi confiscati. L’accordo concerne da un lato una somma di circa 131 milioni USD, già confiscata definitivamente nel corso di uno dei procedimenti penali relativi a Gulnara Karimova, la figlia dell’ex presidente uzbeco. Dall’altro lato riguarda anche valori patrimoniali che potrebbero essere definitivamente confiscati in futuro nell’ambito dei procedimenti penali ancora in corso. L’accordo definisce i principi e le fasi della restituzione. I fondi devono andare a beneficio della popolazione uzbeka.


Il Consiglio federale stabilisce le quattro priorità della Svizzera per la 75a Assemblea generale dell’ONU

11.09.2020 — Comunicato stampa EDA
Il Consiglio federale ha stabilito nel corso dell’estate le priorità della Svizzera per l'Assemblea generale dell'ONU. In occasione della riunione dell’11 settembre 2020 è stato informato dell’esito della consultazione delle Commissioni della politica estera (CPE). Una di queste è la gestione su scala mondiale delle conseguenze della COVID-19. L’apertura del vertice, a fine settembre, avverrà prevalentemente in forma virtuale a causa del coronavirus. A rappresentare la Svizzera saranno la presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga e il consigliere federale Ignazio Cassis.



Il direttore generale dell’ONUSI in visita a Berna

09.09.2020 — Comunicato stampa EDA
Mercoledì 9 settembre i consiglieri federali Guy Parmelin e Ignazio Cassis hanno ricevuto a Berna LI Yong, direttore generale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per lo sviluppo industriale (ONUSI). All’ordine del giorno della visita ufficiale di lavoro le ripercussioni della crisi del coronavirus, le misure adottate per contrastarla e la riforma in corso delle Nazioni Unite.


ACNUR: la Svizzera dona mascherine per l’aiuto umanitario sul campo

08.09.2020 — Comunicato stampa EDA
Una pandemia globale non è solo un pericolo per la popolazione, ma rappresenta anche un grosso ostacolo per l’aiuto umanitario. Senza i dispositivi di protezione necessari non può essere fornito alcun aiuto sul campo. Per far fronte a questo problema e al contempo proteggere le persone in prima linea, l’Aiuto umanitario della Svizzera ha deciso di donare quasi tre milioni di mascherine. Il materiale è stato consegnato martedì 8 settembre 2020 all’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (ACNUR).


Il consigliere federale Ignazio Cassis stila un bilancio positivo della sua visita a Teheran

07.09.2020 — Comunicato stampa EDA
Il capo del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) Ignazio Cassis ha incontrato il presidente iraniano Hassan Rouhani e il ministro degli esteri Mohammad Javad Zarif durante una visita ufficiale. I colloqui si sono incentrati sui mandati della Svizzera in qualità di potenza protettrice e sulla stabilità nella regione. Nell’ambito delle celebrazioni per i 100 anni di relazioni diplomatiche tra i due Paesi si è parlato anche della collaborazione in campo economico, scientifico e dei diritti umani. Il consigliere federale Cassis ha messo in evidenza le relazioni di fiducia e di lunga data che legano la Svizzera e l’Iran.


La galleria di base del Ceneri è aperta, Alptransit è completata

04.09.2020 — Comunicato stampa EDA
La presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga ha aperto oggi ufficialmente, assieme al consigliere federale Ignazio Cassis e al presidente del Consiglio di Stato ticinese Norman Gobbi, la galleria di base del Ceneri. La nuova ferrovia transalpina Alptransit, approvata nel 1992, è ora completata. Con quest'opera del secolo la Svizzera potenzia la propria politica di trasferimento del traffico e la protezione delle Alpi. I viaggiatori si sposteranno più velocemente tra il nord e il sud e il Ticino beneficerà di un'interessante rete celere regionale. Durante le celebrazioni sono intervenuti anche i CEO delle FFS, Vincent Ducrot, e della AlpTransit San Gottardo SA, Dieter Schwank, che hanno sottolineato l'importanza di Alptransit per la Svizzera e per il traffico ferroviario.


Ottanta edifici controllati, diversi ospedali e scuole riparati: l’Aiuto umanitario svizzero conclude la missione di pronto intervento a Beirut

04.09.2020 — Comunicato stampa EDA
Per un mese 38 esperti ed esperte del Corpo svizzero di aiuto umanitario (CSA) hanno fornito aiuto nella capitale libanese per affrontare le conseguenze immediate dell’esplosione del 4 agosto 2020, controllando la stabilità degli edifici danneggiati, sostenendo l’assistenza sanitaria materno-infantile in due ospedali e collaborando alla riparazione di 19 scuole. La missione di pronto intervento dell’Aiuto umanitario si conclude il 5 settembre 2020. La responsabilità delle misure di sostegno passerà all’ufficio di cooperazione della DSC all’Ambasciata di Svizzera a Beirut.



Oggetto 25 – 36 di 3192

Comunicato stampa (2895)

Notizia (297)