La Svizzera presenta il rapporto nazionale davanti al Comitato ONU per l’eliminazione della discriminazione razziale

Comunicato stampa, 17.11.2021

Il 16 e il 17 novembre 2021 il Comitato ONU per l’eliminazione della discriminazione razziale ha esaminato l’attuale rapporto della Svizzera sull’attuazione della Convenzione internazionale sull’eliminazione di ogni forma di discriminazione razziale (CERD). Una delegazione composta da rappresentanti della Confederazione e dei Cantoni ha presentato il rapporto a Ginevra e risposto alle domande dei membri del Comitato.

Nella sua presentazione, la delegazione ha evidenziato i settori in cui, dal 2014, la Svizzera ha compiuto sforzi e ottenuto notevoli progressi. In particolare ha messo in luce i programmi di integrazione cantonali volti a proteggere dalla discriminazione: un esempio positivo di attuazione degli obblighi in materia di diritti umani nel sistema federale e di democrazia diretta. Inoltre, ha sottolineato la creazione di centri di consulenza per le vittime di razzismo, l’estensione della norma penale antirazzismo per proteggere dalla discriminazione sulla base dell’orientamento sessuale, e l’adozione della legge sull’istituzione nazionale per i diritti umani (INDU).

Tradizionalmente la Svizzera si adopera a favore di una società che convive pacificamente e nel rispetto delle differenze.

Quali sono i contenuti del rapporto e come viene esaminato?
Nel novembre del 2018 il Consiglio federale ha approvato il rapporto della Svizzera sull’attuazione della Convenzione internazionale sull’eliminazione di ogni forma di discriminazione razziale (CERD). Questo contiene informazioni sugli sviluppi giuridici e politici in Svizzera e sull’impegno delle autorità a tutti i livelli nella lotta contro ogni forma di razzismo e discriminazione svolti dalla presentazione dell’ultimo rapporto nazionale, risalente al febbraio del 2014.

Il rapporto passa in rassegna in particolare le misure adottate a livello normativo, giudiziario e amministrativo al fine di attuare efficacemente la Convenzione. Il Comitato di esperti e gli Stati parte esaminano il rapporto dialogando reciprocamente. Infine il Comitato formula per iscritto le proprie critiche e raccomandazioni all’attenzione dello Stato in questione.

La Svizzera ha aderito alla Convenzione nel 1994
La Convenzione delle Nazioni Unite del 1965 sull’eliminazione di ogni forma di discriminazione razziale sancisce il principio che vieta la discriminazione razziale e prevede l’obbligo di contrastarla e prevenirla. Il 1° ottobre 2021 gli Stati parte erano 182. La Svizzera ha aderito nel novembre del 1994.


Informazioni supplementari:

Servizio per la lotta al razzismo


Indirizzo per domande:

Comunicazione DFAE
Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna
Tel. Servizio di comunicazione: +41 58 462 31 53
Tel. Servizio stampa: +41 58 460 55 55
E-Mail: kommunikation@eda.admin.ch
Twitter: @EDA_DFAE


Editore

Dipartimento federale degli affari esteri