Inizio pagina

10.10.2019

Ogni anno sono 2,5 milioni le vittime dell’AIDS, della malaria e della tubercolosi, soprattutto nei Paesi a basso e medio reddito. Durante una conferenza dei Paesi donatori promossa dal presidente francese Emmanuel Macron, che si è svolta giovedì a Lione, il consigliere federale Ignazio Cassis ha annunciato un aumento del contributo svizzero al Fondo globale per la lotta contro l’AIDS, la tubercolosi e la malaria pari a sette milioni di franchi. Il Fondo, con sede a Ginevra, è un partner multilaterale prioritario della cooperazione internazionale della Svizzera.

Conferenza dei donatori del Fondo globale per la lotta contro l’AIDS, la tubercolosi e la malaria: Ignazio Cassis annuncia un aumento del contributo svizzero.
Conferenza dei donatori del Fondo globale per la lotta contro l’AIDS, la tubercolosi e la malaria: Ignazio Cassis annuncia un aumento del contributo svizzero © DFAE

La Svizzera segue con preoccupazione l’aumento delle ostilità nel Nord-Est della Siria. Un’ulteriore escalation avrebbe gravi conseguenze per la popolazione civile, già in grande difficoltà, e potrebbe destabilizzare ancora di più la situazione in Siria e nella regione. Per questo, la Svizzera chiede a tutte le parti di rispettare il diritto internazionale e, in particolare, lo Statuto delle Nazioni Unite, il diritto internazionale umanitario e i diritti umani. Il DFAE ha espresso questa posizione nei confronti delle parti interessate.

La protezione della popolazione e delle infrastrutture civili e l’accesso umanitario immediato, duraturo e privo di ostacoli alle persone nel bisogno devono essere garantiti in ogni momento.

La Svizzera fa appello alle parti coinvolte affinché riprendano i negoziati per allentare le tensioni e risolvere i conflitti politicamente. I fattori all’origine del conflitto in Siria possono essere eliminati in modo duraturo solo attraverso un processo di pace nel quadro dell’ONU. L’intenzione del segretario generale dell’ONU di convocare a Ginevra un comitato costituzionale siriano sarebbe un primo passo verso una soluzione politica del conflitto. La Svizzera sostiene attivamente questo processo.

Ultima modifica 28.01.2022

Contatto

Comunicazione DFAE

Palazzo federale ovest
3003 Berna

Telefono (solo per i giornalisti):
+41 58 460 55 55

Telefono (per tutte le altre richieste):
+41 58 462 31 53