Politica europea: il Consiglio federale prosegue la discussione sull’approccio globale e coordinato

Berna, Comunicato stampa, 06.05.2011

Nel corso della seduta di clausura svoltasi ieri, il Consiglio federale ha proseguito il dibattito sulla strategia della Svizzera in materia di politica europea. Dapprima ha ascoltato quattro esperti dell’Amministrazione federale. In seguito ha approfondito la discussione sulle questioni istituzionali, nel quadro della continuazione della via bilaterale basata su un approccio globale e coordinato. Il Consiglio federale ha pure deciso di assegnare due mandati sull'interpretazione degli Accordi bilaterali e sulla sorveglianza della loro applicazione ad esperti esterni. Le discussioni tenute finora e le perizie attese costituiranno la base sulla quale il Consiglio federale prenderà le sue decisioni in merito alle prossime tappe.

Prima della seduta di clausura, il Consiglio federale ha ascoltato quattro esperti dell’amministrazione: Peter Maurer, Segretario di Stato del DFAE, Michael Ambühl, Segretario di Stato del DFF, Jacques de Watteville, ambasciatore, capo della Missione della Svizzera presso l’Unione europea, e Henri Gétaz, ambasciatore, capo dell’Ufficio dell’integrazione DFAE/DFE. Con loro, il Consiglio federale ha fatto il punto della situazione attuale. 

In seguito, ha proseguito la discussione sulla concretizzazione del suo approccio globale e coordinato deciso il 26 gennaio 2011, il cui obiettivo è quello di perpetuare la via bilaterale.

Le questioni istituzionali, segnatamente lo sviluppo degli Accordi bilaterali, la loro interpretazione, la sorveglianza della loro applicazione e la soluzione delle controversie, costituiscono un punto chiave del dibattito tra la Svizzera e l’UE e devono essere approfondite. Per ottenere un parere supplementare, il Consiglio federale ha deciso di commissionare due perizie esterne vertenti in particolare sull’interpretazione degli Accordi e sulla sorveglianza della loro applicazione. Queste perizie, i lavori dell’Amministrazione che proseguono, così come le discussioni condotte finora dal Consiglio federale costituiranno la base sulla quale il Consiglio federale prenderà le sue decisioni in merito alle prossime tappe della concretizzazione della sua politica europea. 


Indirizzo per domande:

André Simonazzi
Portavoce del Consiglio federale
+41 (0)31 322 37 03
andre.simonazzi@bk.admin.ch


Editore

Il Consiglio federale
Dipartimento federale degli affari esteri
Dipartimento federale dell