Il Consiglio federale sottopone alle Camere federali un progetto di legge sulla restituzione degli averi di provenienza illecita

Berna, Comunicato stampa, 28.04.2010

A seguito della procedura di consultazione avviata il 24 febbraio 2010, il Consiglio federale ha deciso oggi di sottoporre alle Camere federali il progetto di legge sulla restituzione degli averi di provenienza illecita di persone politicamente esposte (LRAI). I partecipanti alla consultazione si sono espressi a larga maggioranza in favore del progetto. Con questo progetto di legge, la Svizzera conferma il suo ruolo precursore nell’ambito della restituzione degli averi di provenienza illecita.

Negli ultimi 15 anni, la Svizzera ha restituito oltre 1,7 miliardi di franchi ai paesi i cui averi erano stati sottratti da persone politicamente esposte quali Sani Abacha, Ferdinand Marcos o Vladimiro Montesinos. Questo risultato è da ricondurre alla buona qualità del sistema giuridico svizzero basato sull’assistenza giudiziaria internazionale, e alla volontà politica di evitare che la piazza finanziaria svizzera funga da rifugio al denaro di politici corrotti. Nell’ambito della restituzione degli averi di provenienza illecita, la Svizzera ha così assunto un ruolo precursore a livello mondiale. 

L’esperienza ha tuttavia dimostrato che il sistema giuridico svizzero è limitato allorquando gli Stati in questione, a causa di sistemi giudiziari dissestati, non sono in grado di condurre procedure penali nazionali. I casi Mobutu e Duvalier ne sono un esempio. Nella sentenza del 12 gennaio 2010 relativa al caso Duvalier, il Tribunale federale ha del resto considerato che le condizioni poste dall'assistenza giudiziaria appaiono troppo rigide per questo genere di casi, e ha invitato il legislatore ad apportare le correzioni e gli alleggerimenti necessari.  

Il Consiglio federale condivide quest’opinione e ha deciso oggi di sottoporre alle Camere federali un progetto di legge in tal senso. La nuova legge intende regolare le modalità di blocco, di confisca e di restituzione dei valori patrimoniali di persone politicamente esposte o della loro cerchia, nel caso in cui una domanda d’assistenza giudiziaria internazionale in materia penale non possa avere esito a causa della situazione di dissesto dello Stato richiedente. Essa prevede che il Tribunale amministrativo federale decida della confisca dei valori patrimoniali bloccati acquisiti illecitamente. Secondo il progetto di legge, l’obbiettivo della restituzione dei valori confiscati è quello di migliorare le condizioni di vita della popolazione dello Stato di provenienza tramite il finanziamento di programmi d’interesse pubblico. Si auspica che la legge entri in vigore rapidamente, affinché il caso Duvalier possa essere risolto entro breve termine. 

Contatto/domande: Informazione DFAE, tel. +41 31 322 31 53


Informazioni supplementari:

Fondi illeciti di capi di stato e di alti funzionari


Indirizzo per domande:

Informazione DFAE
Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna
Tel.: (+41) 031 322 31 53
Fax: (+41) 031 324 90 47
E-Mail: info@eda.admin.ch


Editore

Dipartimento federale degli affari esteri