Inizio pagina

2017, anno della presidenza svizzera dell’International Holocaust Remembrance Alliance

La Svizzera assume la presidenza dell’International Holocaust Remembrance Alliance (IHRA), di cui è membro dal 2004.

Ultima modifica 26.01.2022

  • La Svizzera si impegna a fondo per il raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile: le ambasciate assumono una funzione esemplare e rappresentano una vetrina del nostro impegno nel campo della sostenibilità.

  • Nel 2019 si celebrano il centenario del multilateralismo e dell’Organizzazione internazionale del lavoro nonché il 70° anniversario delle Convenzioni di Ginevra.

  • L’iniziativa Democrazia senza frontiere abbina personalità svizzere di fama nazionale e internazionale ad alcuni progetti di sviluppo.

  • La Svizzera prosegue la cooperazione allo sviluppo in Ucraina, aiuta le vittime del conflitto armato e invita al dialogo tra tutte le parti.

  • La Svizzera si adopera su più livelli per quanto concerne la protezione dei rifugiati, dei profughi interni e dei migranti. Al DFAE, la Divisione Sicurezza umana e la DSC sono state incaricate di occuparsi della questione.

  • Durante il doppio mandato in qualità di potenza protettrice sia per gli Stati Uniti che per Cuba (dal 1991), la Svizzera ha esercitato in numerose occasioni la propria influenza a livello diplomatico.

  • Informazioni sull’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) e le priorità della presidenza svizzera. News, eventi e viaggi del presidente della Confederazione Didier Burkhalter nel quadro della presidenza svizzera dell’OSCE

  • Il Forum sostiene i Paesi delle Primavera araba nel corso della loro transizione democratica e li accompagna durante il processo di recupero degli averi di origine illecita.

  • La Conferenza della DSU 2014 si è focalizzata sulle bambine e sui bambini soldato. Il presidente della Confederazione Didier Burkhalter ha presentato il piano d’azione per la protezione dei bambini che nei conflitti armati vengono reclutati da forze o gruppi armati.

  • Nel 2014 la Svizzera e la Russia festeggiano 200 anni di relazioni diplomatiche. Le relazioni bilaterali, che si sono intensificate in particolare nel corso degli ultimi anni, poggiamo su un documento importante, il «Memorandum of Understanding» del 2007.

  • Centocinquanta anni fa è stata sottoscritta la prima Convenzione di Ginevra, pietra fondante del diritto internazionale umanitario che entra in applicazione ogniqualvolta c’è un conflitto armato

  • La politica dei diritti dell’uomo, associata all’impegno per l’abolizione della pena di morte, rappresenta una priorità della politica estera svizzera.

  • L’uguaglianza tra donne e uomini, il rispetto dei diritti delle donne e delle ragazze e il divieto di ogni forma di discriminazione fondata sul genere sono valori fondamentali della Svizzera. Questi principi sono parte integrante del nostro ordine costituzionale e giuridico.

  • I capimissione Jürg Lauber e Valentin Zellweger parlano dell’impegno svizzero all’ONU. Il dossier è completato da un quiz.

  • La Svizzera commemora le vittime dell’Olocausto e si impegna come membro dell’International Holocaust Remembrance Alliance (IHRA).

  • La Svizzera si impegna a favore di una pace equa e durevole tra Israeliani e Palestinesi basata su una soluzione negoziata a due Stati.

  • Il 4 e 5 luglio 2022 la Svizzera ospiterà a Lugano la quinta conferenza sulla riforma ucraina (URC2022). L’organizzazione congiunta di questo evento internazionale da parte della Svizzera e dell’Ucraina è pienamente in linea con le priorità tematiche della Strategia di politica estera del nostro Paese.