Accordo contro i dirottamenti aerei

Nel 1973 gli Stati Uniti e Cuba siglarono un accordo contro i dirottamenti aerei. Due ambasciatori di Svizzera a Cuba, Alfred Fischli e il suo successore Silvio Masnata, mediarono tra i due Paesi. 

L’accordo contro i dirottamenti aerei («Anti-Hijacking Agreement») tra gli Stati Uniti e Cuba, concluso il 15 febbraio 1973, stabiliva che i dirottatori dovevano essere perseguiti penalmente o estradati. Per otto settimane due ambasciatori di Svizzera a Cuba, cioè Alfred Fischli e il suo successore Silvio Masnata, coordinarono lo scambio di messaggi tra i due Paesi.

Aerei sequestrati e dirottati verso Cuba

L’accordo era stato dettato dai frequenti casi di sequestri di aerei (325 in tutto il mondo tra il 1968 e il 1972, 173 dei quali dirottati verso Cuba) e preceduto da numerosi tentativi di negoziazione falliti a cui aveva partecipato anche la Svizzera come mediatrice.  

Cuba interpretò l’accordo come un passo verso l’avvicinamento agli Stati Uniti, ipotesi tuttavia smentita categoricamente dall’allora presidente statunitense Richard Nixon.

Documenti Diplomatici Svizzeri:

dodis.ch/33715 (de)

dodis.ch/33716 (fr)

dodis.ch/33734 (de)

dodis.ch/33736 (fr)

dodis.ch/33743 (de)

dodis.ch/34508 (de)