Egitto: musica per uno sviluppo sostenibile lungo il Nilo

L’ambasciatore di progetto Bastian Baker si impegna in Egitto nell’ambito dell’iniziativa Democrazia senza frontiere. Nel Paese nordafricano ha collaborato su base volontaria al progetto del Nilo (The Nile Project) volto a favorire uno sviluppo sostenibile dell’ecosistema di questo fiume e ha visitato alcuni progetti realizzati dalla DSC nel campo della gestione delle risorse idriche e dell’occupazione giovanile.

Il musicista svizzero Bastian Baker, di cui a fine 2014 il consigliere federale Didier Burkhalter aveva preannunciato l’impegno nell’ambito dell’iniziativa Democrazia senza frontiere in qualità di ambasciatore di progetto, ha effettuato un viaggio al Cairo e ad Assuan dal 7 al 12 febbraio 2016. Dopo essersi esibito al Cairo insieme al famoso musicista egiziano Hany Adel, Baker è partito alla volta di Assuan, dove ha sostenuto il progetto del Nilo (The Nile Project), co-finanziato dalla DSC, nel suo obiettivo di promuovere un ecosistema sostenibile attraverso la musica e la cultura ed ha avuto uno scambio di esperienze musicali con gli artisti del posto.

«Quando il consigliere federale Didier Burkhalter mi ha parlato del progetto del Nilo, la proposta mi ha subito entusiasmato. È emozionante l’idea che la musica possa avere un ruolo nello sviluppo di persone e regioni in tutto il mondo. Sono felice e orgoglioso di collaborare con il progetto del Nilo», ha affermato Bastian Baker.

In Egitto il musicista svizzero ha visitato alcuni progetti della DSC nei settori dell’occupazione giovanile e della gestione delle risorse idriche, dialogando con i giovani coinvolti.

Comunicato stampa, 11.02.2016

Una comune «cultura del Nilo» grazie alla musica e alla cultura

Sono undici i Paesi del bacino idrografico del Nilo che dipendono dalle acque di questo fiume per pianificare il proprio sviluppo nazionale. Nonostante nel bacino del Nilo vivano circa 437 milioni di persone, non esiste ancora un approccio collettivo per lo sviluppo dell’ecosistema comune. Il progetto del Nilo è stato lanciato nel 2011 con l’obiettivo di favorire lo scambio di esperienze e il dialogo tra cittadini, comunità locali, artisti e studenti del bacino idrografico del Nilo. È incentrato sul settore della musica e della cultura e, dal 2013, è sostenuto dalla DSC.

Progetto del Nilo

Gestione delle risorse idriche e occupazione giovanile ad Assuan

Nel governatorato di Assuan, nell’Alto Egitto, la DSC si impegna per migliorare i canali di irrigazione e sensibilizzare gli agricoltori a un utilizzo parsimonioso dell’acqua. In un quartiere emarginato della città di Assuan, la DSC si adopera inoltre per il miglioramento delle infrastrutture idriche e per un uso prudente ragionato dell’acqua. Un terzo progetto della DSC è infine mirato a trovare un’occupazione a lungo termine e con un reddito sufficiente alle donne e agli uomini che vivono nel distretto rurale di Assuan, riducendo così la migrazione verso i centri urbani. 

Progetto: Oro blu per tutti ad Assuan
Progetto: L'acqua del Nilo, un tesoro da trattare con cura

Progetto: Prospettive economiche per i giovani nelle regioni rurali