Riduzione del rischio di catastrofi: una condizione fondamentale per uno sviluppo sostenibile

Membri del Corpo svizzero di aiuto umanitario durante un laboratorio pratico con muratori haitiani
Per costruire infrastrutture antisismiche è indispensabile sviluppare le capacità locali. Nella foto, un membro del Corpo svizzero di aiuto umanitario fornisce spiegazioni ad alcuni muratori haitiani nell'ambito di un laboratorio pratico. © DSC

Le catastrofi naturali colpiscono sia i Paesi ricchi sia quelli poveri, ma le loro ripercussioni sono molto più drammatiche nei Paesi del Sud del mondo. Un sisma, un ciclone, inondazioni o un periodo di siccità possono distruggere gli sforzi di sviluppo intrapresi da decenni. La DSC s’impegna a ridurre i rischi di catastrofe non solo per salvare vite umane, ma anche per garantire la sostenibilità e durata dello sviluppo socio-economico dei Paesi interessati.

Nella linea di mira della DSC

La riduzione del rischio di catastrofi (RRC) occupa un posto centrale in tutti i programmi della DSC. Questo approccio preventivo è indispensabile in tutti i Paesi esposti a rischi elevati di catastrofi naturali. L’obiettivo è proteggere la popolazione e salvaguardare i progressi fatti sul piano dello sviluppo. 

Le attività di RRC si concentrano sia sulle catastrofi improvvise (inondazioni, sismi) sia su quelle a sviluppo più lento (siccità). La RRC si concretizza in misure adottate prima, durante e dopo una catastrofe. Implica un impegno a lungo termine con l’obiettivo di rafforzare le istituzioni, le risorse umane e le infrastrutture dei Paesi partner interessati e costituisce un processo integrato che ingloba considerazioni sia scientifiche e tecniche sia socio-politiche.

La DSC promuove un approccio integrato nella gestione del rischio di catastrofi, articolata attorno alle sequenze classiche di una crisi.

  1. Prevenzione: ridurre i rischi esistenti e prevenire lo sviluppo di nuovi rischi per mezzo di misure preventive e di pianificazione.
  2. Gestione: ridurre l’impatto di una catastrofe preparando e formando squadre di salvataggio.
  3. Ripristino: ridurre il rischio di danni futuri promuovendo modelli di ricostruzione adeguati.

Le misure preventive possono assumere forme molto diverse, dal rimboschimento dei bacini idrografici soggetti a frane all’elaborazione di una cartografia delle foreste, senza dimenticare le scuole resistenti ai sismi costruite ad Haiti. La formazione e la preparazione dei soccorritori permettono di salvare vite umane e, quindi, di limitare l’impatto di una catastrofe.

A livello internazionale la DSC mette anche in evidenza i risultati delle esperienze fatte nei Paesi in cui opera. Nell’elaborazione del quadro d’azione di Sendai ha svolto pertanto un ruolo di primo piano. Collabora anche con organizzazioni internazionali come il Fondo di finanziamento globale per la riduzione delle catastrofi e la ripresa (Global Facility for Disaster Reduction and Recovery, GFDRR) e l’Ufficio delle Nazioni Unite per la riduzione dei disastri (UNISDR).

Contesto

Adottato nel marzo 2015, il quadro d’azione di Sendai per la riduzione del rischio di disastri definisce le priorità della comunità internazionale in materia di prevenzione delle catastrofi per il periodo 2015-2030. Ha sostituito il quadro d’azione di Hyogo, che copriva il decennio 2005-2015, attualizzando la nozione di catastrofe. Il nuovo quadro si applica alle catastrofi su piccola e vasta scala, frequenti o rare, immediate o a sviluppo più lento, causate da rischi naturali o dall’uomo, o legate a pericoli e rischi ambientali, tecnologici e biologici. Invita anche a rafforzare la governance dei rischi di catastrofe, in particolare delle piattaforme nazionali.

La RRC riguarda tutti i settori della società. Soltanto gli sforzi comuni di autorità nazioni e locali, del settore privato (in particolare le assicurazioni), della società civile, delle organizzazioni internazionali e dell’opinione pubblica possono renderla efficace.

In materia di RRC, la Svizzera è un attore riconosciuto a livello mondiale. A livello svizzero, la DSC lavora con altre unità della Confederazione per trasferire queste competenze ai Paesi in cui opera. Collabora in particolare con l’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM), l’Ufficio federale della protezione della popolazione (UFPP) e la Segreteria di Stato dell’economia (SECO), oltre che con le ONG, vari rappresentanti del settore privato, il mondo universitario e la piattaforma nazionale «Pericoli naturali».

Online tool

 

Più che un tema prioritario, la RRC è una metodologia di lavoro per la DSC. Nei Paesi a rischio, ogni progetto viene valutato per determinare il suo grado di esposizione a possibili catastrofi e le attività sono pianificate per contribuire alla riduzione dei rischi identificati. A questo scopo la DSC ha creato il CEDRIG Online Tool (Climate, Environment and Disaster Risk Reduction Integration Guidance). Rivolto a tutti gli specialisti nel campo dello sviluppo e dell’aiuto umanitario, questo strumento online permette di integrare i rischi legati ai pericoli naturali, al cambiamento climatico e al degrado ambientale nella pianificazione dei progetti.

CEDRIG Online Tool

 

Sito Internet della DSC sul tema della riduzione del rischio di catastrofi

Informazioni specialistiche (news, documenti, strumenti, metodi) per lo scambio di conoscenze e la collaborazione con partner e specialisti.

SDC Disaster Risk Reduction Network

Documenti

Progetti attuali

Oggetto 1 – 12 di 854

Progetto concluso

Repubblica democratica del Congo: sostegno nella lotta contro l’epidemia di ebola

Personale di cura ascolta i consigli di un formatore accompagnato da due persone che indossano vestiti di protezione.

01.08.2018 - 30.04.2019

Il carattere imprevedibile della situazione umanitaria e delle epidemie nella Repubblica democratica del Congo mette a dura prova. Il Congo è alle prese con la decima ondata di ebola nella storia del Paese. La DSC e Medair hanno dimostrato grande flessibilità adattando i loro interventi per prevenire la diffusione del virus nella provincia settentrionale di Kivu.

Paese/Regione Tema Periodo Budget
Repubblica democratica Congo
Sanità
No Theme defined
Assistenza sanitaria primaria
Nutrizione di base
Salute e diritti riproduttivi

01.08.2018 - 30.04.2019


CHF 1'359'156



Progetto concluso

Una migliore assistenza sanitaria negli ospedali di Cox’s Bazar, Bangladesh

Donne, bambini e uomini in una unità chirurgica

15.05.2018 - 31.03.2020

Dall’agosto 2017 oltre 700’000 Rohingya si sono rifugiati in Bangladesh dopo la fuga dallo Stato federale birmano di Rakhine, dove sono esposti a violenza. Insieme alle persone arrivate in occasione di crisi precedenti, nel distretto di Cox’s Bazar, nel Sud del Bangladesh, vivono attualmente circa 900’000 profughi provenienti dal Myanmar. Questo enorme incremento mette a dura prova le capacità dei tre ospedali della regione. L’Aiuto umanitario della DSC sostiene gli istituti sanitari attraverso una migliore infrastruttura e formazioni nel campo delle analisi di laboratorio e della logistica.

Paese/Regione Tema Periodo Budget
Bangladesh
Sanità
Servizi medici
Rafforzamento dei sistemi sanitari

15.05.2018 - 31.03.2020


CHF 200'000



A toolbox for sustainable sefl-reliance

Nel Sud-ovest dell'isola di Haiti, alcuni artigiani imparano a costruire abitazioni più stabili e resistenti ai terremoti e agli uragani.

06.09.2017 - 30.06.2021

Haiti has been repeatedly devastated by earthquakes and hurricanes in recent years. SDC engineers are now working with those affected to build more stable houses from local materials. Five hundred new homes are to be built by 2021.

Paese/Regione Tema Periodo Budget
Haiti
Canbiamento climatico ed ambiente
Assistenza umanitaria & RRC
Formazione professionale
Governance

Riduzione dei rischi di catastrofi
Efficacia umanitaria
Formazione professionale
Politica del settore pubblico

06.09.2017 - 30.06.2021


CHF 3'423'500



Progetto concluso

Repubblica democratica del Congo: aiuto d’emergenza nella regione del Kasai

Persone in fila davanti a un centro di distribuzione di denaro contante e articoli casalinghi di base.

01.09.2017 - 31.03.2018

Il conflitto che dall’agosto del 2016 lacera la regione del Kasai si è aggiunto alle tante crisi che già colpiscono la Repubblica democratica del Congo. Le conseguenze: oltre 1,4 milioni di sfollati e 3 milioni di persone in condizioni di insicurezza alimentare. L’Aiuto umanitario della DSC ha esteso le sue operazioni a questa regione, dove l’aiuto d’emergenza è ancora pressoché inesistente. L’intervento mira a sopperire alle esigenze di base delle persone colpite.

Paese/Regione Tema Periodo Budget
Repubblica democratica Congo
Assistenza umanitaria & RRC
Aiuto alimentare d’emergenza
Assistenza materiale
Riabilitazione d'emergenza

01.09.2017 - 31.03.2018


CHF 1'250'000



Libano: istruzione e sanità in un quartiere in cui coabitano libanesi, siriani e palestinesi

Foto dell’interno di una classe con un’insegnante in piedi mentre mostra un libro a un gruppo di bambine e bambini.

01.08.2016 - 31.03.2021

Gli abitanti del quartiere di Hay el Gharbé nella zona sud di Beirut vivono in situazioni molto precarie. Dal 2012 nella zona sono arrivati anche molti profughi siriani. La DSC sostiene Tahaddi, una ONG libanese, il cui lavoro fa veramente la differenza per le persone che risiedono in questa periferia della città. Il suo centro educativo per esempio ha permesso a molte bambine e molti bambini di riprendere la scuola e di uscire dalla miseria. 

Paese/Regione Tema Periodo Budget
Libano
Istruzione
Sanità
Primary education
Assistenza sanitaria primaria
Servizi medici

01.08.2016 - 31.03.2021


CHF 1'270'000



Progetto concluso

El Niño: aiutare le popolazioni del Lesotho a superare le difficoltà climatiche

Altext: Due esperti e un agricoltore locali in un campo di mai devastato dalla siccità.

01.07.2016 - 31.12.2016

Per i Paesi dell’Africa australe El Niño è sinonimo di una catastrofe climatica senza precedenti. La siccità ha distrutto milioni di ettari di terre coltivabili e gli abitanti di un’intera regione sono minacciati dall’insicurezza alimentare. Il Lesotho è stato il primo Paese a far suonare il campanello d’allarme. La DSC ha sbloccato un milione di franchi per sostenere le operazioni del Programma alimentare mondiale (PAM) delle Nazioni Unite, che può contare anche sull’aiuto di esperti svizzeri. 

Paese/Regione Tema Periodo Budget
Lesotho
Assistenza umanitaria & RRC
Aiuto alimentare d’emergenza

01.07.2016 - 31.12.2016


CHF 1'000'000



Progetto concluso

Drinking Water for the People of Eastern Ukraine

Alcune persone e un camion davanti alla sede delle centrali idriche Voda Donbas a Krasnoarmejsk.

11.04.2016 - 30.11.2016

The ongoing armed conflict in Ukraine continues to claim victims and cause untold damage. Vital goods like water are in increasingly short supply.The SDC is the only state actor organising humanitarian convoys which cross the contact line in eastern Ukraine.

Paese/Regione Tema Periodo Budget
Ucraina
Assistenza umanitaria & RRC
Acqua
Sanità
Diritti umani
Stato di diritto - democrazia - diritti dell'uomo
Assistenza materiale
Acqua potabile e strutture igieniche elementari (WASH) (til 2016)
Assistenza sanitaria primaria
Diritti dell'uomo (diritti delle donne inclusi)
Diplomazia e sicurezza dell'acqua
Rafforzamento dei sistemi sanitari

11.04.2016 - 30.11.2016


CHF 1'156'000



Progetto concluso

Gli agricoltori sfuggiti alla guerra si creano nuove prospettive finanziarie

Scena di mercato nel Darfur (Sudan).

01.04.2016 - 31.12.2017

Da oltre 13 anni in Sudan regnano gravi conflitti che obbligano le persone a fuggire e ne distruggono le basi esistenziali. La DSC sostiene il programma di ricostruzione dell’ONU in Sudan finalizzato, tra l’altro, a migliorare la situazione economica dei piccoli agricoltori.

Paese/Regione Tema Periodo Budget
Sudan
Assistenza umanitaria & RRC
Agricoltura e sicurezza alimentare
Ricostruzione e riabilitazione (till 2016)
Sviluppo della catena di valore agricola (til 2016)

01.04.2016 - 31.12.2017


CHF 1'000'000



Progetto concluso

La Svizzera fornisce ambulanze alla popolazione siriana bisognosa

La Svizzera finanzia dodici nuove ambulanze nell’intento di migliorare le condizioni di vita delle persone in Siria. © DFAE

20.02.2016 - 31.12.2018

La DSC ha consegnato dodici nuove ambulanze alla Mezzaluna Rossa Siriana Araba (SARC). Alla cerimonia di consegna avvenuta a Damasco ha presenziato anche una delegazione svizzera. Il sistema sanitario siriano necessita urgentemente di questo genere di veicoli per la cronica mancanza di ambulanze a causa delle devastazioni della guerra, degli attacchi contro gli ospedali e dell’ingente numero di vittime.

Paese/Regione Tema Periodo Budget
Siria
Sanità
Assistenza umanitaria & RRC
Rafforzamento dei sistemi sanitari
Assistenza sanitaria primaria
Assistenza materiale

20.02.2016 - 31.12.2018


CHF 900'000



Progetto concluso

Somalia: le sfide di un intervento in un contesto di crisi permanente

01.01.2016 - 31.12.2016

La popolazione somala non deve affrontare solo un’estrema povertà, ma anche violenze e continui choc climatici. A causa del conflitto in corso è difficile aiutare la popolazione. La DSC sostiene sul posto il CICR, una delle poche organizzazioni che sono in grado di intervenire in tutto il Paese, e nel 2016 contribuisce con 4 milioni CHF alle sue attività,  che mirano anche a dare agli abitanti le risorse necessarie per uno sviluppo a medio e lungo termine.

Paese/Regione Tema Periodo Budget
Somalia
Assistenza umanitaria & RRC
Diritti umani
Assistenza materiale
Diritti dell'uomo (diritti delle donne inclusi)

01.01.2016 - 31.12.2016


CHF 4'000'000



Myanmar: garantire l’istruzione di bambini e bambine in zone colpite da uragani e conflitti

Una classe in posa davanti a una scuola ricostruita.

01.12.2015 - 31.07.2018

Ricostruire scuole distrutte da un ciclone in una regione colpita dalle violenze tra comunità differenti: questo l’obiettivo di un progetto della DSC e dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni (OIM) nello Stato di Rakhine in Myanmar. Circa 600 allievi e allieve possono ora frequentare le lezioni in immobili più sicuri. L’esperienza maturata nell’ambito di questo progetto verrà messa a frutto per risanare altri edifici scolastici del Paese.

Paese/Regione Tema Periodo Budget
Myanmar
Istruzione
Canbiamento climatico ed ambiente
Education facilities and training
Riduzione dei rischi di catastrofi

01.12.2015 - 31.07.2018


CHF 896'514



Progetto concluso

Ristrutturazione di edifici scolastici nel Nord del Libano

Le scuole ristrutturate permettono agli allievi libanesi e siriani di seguire le lezioni nelle migliori condizioni. © DSC

16.11.2015 - 31.01.2020

Dopo aver terminato la ristrutturazione delle prime 28 scuole nel Nord del Libano, la DSC comincia ora i lavori in altri 24 edifici scolastici della stessa regione. I cantieri, portati avanti in collaborazione con le autorità libanesi, permettono di far fronte all’arrivo in massa di figli di profughi siriani.

Paese/Regione Tema Periodo Budget
Libano
Istruzione
Assistenza umanitaria & RRC
Altro
Primary education
Education facilities and training
Ricostruzione e riabilitazione (till 2016)
Sector not specified

16.11.2015 - 31.01.2020


CHF 3'718'000


Oggetto 1 – 12 di 854