Blue Peace: l’acqua come strumento per la pace

Rappresentanti governativi di alto rango provenienti dall’Asia centrale e dall’Africa occidentale davanti a una grande condotta idrica.
Rappresentanti governativi provenienti dall’Asia centrale apprendono i meccanismi della cooperazione transfrontaliera pacifica nel bacino imbrifero del fiume Senegal. © DSC

Da qui al 2030, il fabbisogno idrico crescerà di oltre il 50% e l’acqua è destinata a scalzare il petrolio quale principale risorsa geopolitica. Il potenziale di conflitto attorno a questa risorsa vitale aumenterà quindi ulteriormente. Con le linee d’azione del DFAE in materia di «Blue Peace», la Svizzera apporta proposte di soluzioni tecniche e politiche nel dialogo in atto nelle regioni colpite.

L’acqua oggi è  fondamentale per la sicurezza. La risorsa è diventata un elemento chiave,  non solo nella lotta alla povertà, ma anche per la pace e la stabilità politica. Con la crescita demografica, lo sviluppo economico e urbano, l’inquinamento e il cambiamento climatico, questa risorsa limitata e ripartita in modo geograficamente disuguale è esposta a una pressione sempre maggiore.

Problemi legati all’accesso all’acqua sono ormai fonte di conflitti in molte regioni del mondo. Quando le riserve idriche scarseggiano, la siccità imperversa o l’accesso all’acqua è impedito da scontri armati, le tensioni rischiano di diventare ancora più forti.

Obiettivi principali

La Svizzera offre il proprio sostegno per consentire ai Paesi di gestire meglio le proprie risorse idriche e di appianare le tensioni tra i vari utilizzatori (privati, industria dell’energia, agricoltura ecc.), sia a livello nazionale sia a livello regionale. Nell’ambito dell’iniziativa «Blue Peace» lanciata nel 2010, la Svizzera sostiene la cooperazione transfrontaliera oltre che piattaforme nazionali di dialogo in materia di accesso all’acqua. «Blue Peace» si fonda sull’idea che una gestione efficiente ed equa delle risorse idriche a livello mondiale contribuisca al mantenimento di una pace duratura. La Svizzera vanta una grande esperienza nella promozione del dialogo e nell’elaborazione di compromessi e dispone di competenze riconosciute in materia di economia idrica, sia in ambito politico e accademico, sia nel settore privato e nella società civile. Nel 2015 la Svizzera, insieme ad altri 14 Stati, ha dato vita al Panel mondiale di alto livello sull’acqua e la pace. Fine 2017, il Panel ha pubblicato le proprie raccomandazioni in un rapporto conclusivo dal titolo «Una questione di sopravvivenza».

«Una questione di sopravvivenza», rapporto conclusivo del Panel mondiale di alto livello sull’acqua e la pace (fr)

La «Swiss Toolbox»

La Svizzera dispone di vaste conoscenze in fatto di amministrazione pacifica congiunta di risorse idriche tra Paesi limitrofi. Grazie al Reno e al Rodano, i grandi fiumi europei che la attraversano, e ai laghi che segnano alcune delle sue frontiere, la Svizzera ha un’esperienza di lunga data nella gestione transfrontaliera delle acque e può offrire un prezioso contributo nella ricerca di soluzioni per altre regioni del mondo.

La Svizzera ricorre a vari strumenti di politica estera per affrontare queste sfide.

Cooperazione allo sviluppo
La DSC si impegna per il miglioramento dell’accesso all’acqua e agli impianti igienico-sanitari e per una gestione equa delle risorse idriche.

Aiuto umanitario
In situazioni di crisi o di conflitto, l’Aiuto umanitario contribuisce a coprire il fabbisogno idrico delle popolazioni colpite e adotta misure preventive per limitare le ripercussioni di catastrofi naturali (inondazioni ecc.).

Strumenti volti a garantire la sicurezza umana e a promuovere il diritto internazionale
L’obiettivo è per esempio quello di favorire il dialogo in caso di conflitti legati all’acqua.

Relazioni diplomatiche bilaterali con gli Stati
Nei Paesi in cui i rischi legati all’acqua e alla sicurezza sono elevati, la Svizzera tematizza il problema in modo sistematico.

Approccio bilaterale e multilaterale

Gli strumenti della «Swiss Toolbox» vengono impiegati sia in ambito bilaterale sia multilaterale. A livello bilaterale, con la sua diplomazia dell’acqua, la Svizzera favorisce per esempio la collaborazione tra i vari utilizzatori nella gestione delle risorse idriche, contribuendo così alla pace sociale.

A livello multilaterale, la Svizzera si è impegnata affinché la disponibilità e la gestione sostenibile dell’acqua e dei servizi igienico-sanitari venissero integrate nell’Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile. Si adopera inoltre in organizzazioni regionali, in particolare l’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE), nell’ambito del tema acqua e sicurezza.

Documenti

Progetti attuali

Oggetto 13 – 18 di 18

Global Blue Peace: Le Pôle Eau de Genève pour l’eau, la paix et la sécurité

01.04.2017 - 31.03.2020

Le Pôle Eau de Genève – Geneva Water Hub (GWH) regroupe les capacités centrales pour l’hydrodiplomatie au sein de la Genève internationale. En s’appuyant sur ses trois composantes (savoir & éducation, think tank, réseau), le GWH agit comme Secrétariat du Panel Global de Haut Niveau pour l’Eau et la Paix (7F-09770.01) et de son groupe d’amis. L’objectif de cette seconde phase est de poursuivre les réalisations du GWH pour l’hydrodiplomatie ainsi que de procéder à son institutionnalisation.


Central Asia : Water Accountability in Transboundary Chu and Talas River Basins

15.12.2016 - 31.12.2020

Effective water resources management requires data management capacities for proper decision-making at different scales. In this context, a modern, Multi-Level Distributed Water Information Systems is a management instrument that provides stakeholders’ gateways for judicious and sustainable water resources management. The project is aiming at introducing such a modern management information system in transboundary Chu and Talas river basins to improve water accountability and transparency.


Water Security in the Middle East (Blue Peace)

01.04.2016 - 31.05.2020

In the Middle East, the increasingly precarious situation of water resources demands stronger regional cooperation than ever before. Set against this background, the Blue Peace approach aims at contributing to peace building through combined political and technical dialogues, which are substantiated in concrete regional projects and direct impact activities on the ground. Together with the Strategic Foresight Group (SFG) and local partners from academia, international organisations, civil society and private sector, SDC is able to promote policy and concrete solutions for sustainable development serving those threatened by water scarcity and conflict.


SuizAgua América Latina - El Agua nos Une

Fabbricato - Impianto industriale di trattamento e riutilizzo delle acque

01.01.2016 - 31.12.2020

Water management being one of the main challenges of the 21st century, the generation of knowledge to make decisions and collaboration between different sectors; are the axis of the present and future well-being of humanity. The initiative “El Agua Nos Une” articulates the work of public institutions, business associations and research organisations. It aims at: i) scaling corporate water stewardship in Colombia; ii) strengthening knowledge on water uses, particularly in the agricultural sector; iii) contributing to the national water quality and quantity monitoring program; iv) developing an investment scheme in ecosystem services; and; v) facilitating a community of practice on water footprint and corporate water management in Latin America


Establishment of a Global Hydrometry Support Facility (GHSF) and Innovation Hub

15.07.2015 - 31.12.2019

Reliable hydro-meteorological observations and forecasts are critical to implement better water resources management practices and policies. The proposed project, implemented by the World Meteorologiccial Organization (WMO) and the iMoMo consortium will combine traditional with new and decentralized monitoring approaches based on crowd-sourcing with mobile phones, bringing decision-relevant information faster to the users.


National Water Resources Management in Kyrgyzstan

01.01.2013 - 31.12.2019

Water resources management remains ineffective in the Kyrgyz Republic, but the Water Code based on of Integrated Water Resources Management principles and adopted in 2005, provides stewardship for improved water resources governance and management. However the government lacks technical capacity and financial resources to implement the code. The project will assist the country in strengthening and improving water resources management capability and irrigation service delivery for the benefit of water users by enforcement of the water code.

Oggetto 13 – 18 di 18