Tanzania

Il programma di cooperazione svizzero 2021–2024 sostiene la Tanzania a diventare un Paese con un reddito medio equo e stabile, aiutando i giovani a progredire a livello sociale ed economico. Si concentra soprattutto sulle donne in situazione di indigenza, che potrebbero diventare il principale motore di cambiamento in grado di contribuire alla stabilità e alla prosperità della regione. La Svizzera si adopera a consolidare le istituzioni statali e le organizzazioni civili locali, nazionali e internazionali nei settori della salute, della governance, dell’occupazione e del reddito, promuovendo l’uguaglianza di genere quale tema trasversale.

Cartina della Tanzania
© DFAE

Con 58 milioni di abitanti, la Tanzania è il sesto Paese africano più popoloso e quello con la velocità di urbanizzazione più elevata. Nel 2020, per la prima volta, la Banca Mondiale ha classificato la Tanzania come Paese a reddito medio-basso, con un PIL pro capite di 1080 USD. Ciononostante, la crescita economica non è stata inclusiva e in grado di incrementare i redditi delle fasce più indigenti. Infatti, circa 14 milioni di abitanti vivono al di sotto della soglia di povertà, che si situa a 21 USD al mese. La povertà è più diffusa nelle aree rurali, tra le generazioni più giovani e nei nuclei familiari con una donna come capofamiglia. 

Politicamente, la Tanzania si trova a un bivio, dopo quasi due decenni di progressi lenti ma costanti verso una democrazia più inclusiva, sebbene le organizzazioni della società civile e i processi democratici stiano affrontando un numero crescente di ostacoli. L’accesso alle cure mediche è decisamente migliorato, ma la qualità dei servizi rimane insoddisfacente. Inoltre, la grande disuguaglianza di genere tuttora esistente, dovuta soprattutto a norme sociali tradizionali e al quadro giuridico vigente in Tanzania, ostacola lo sviluppo sostenibile. Siccome gran parte del PIL si basa sulle risorse naturali, come per esempio le esportazioni legate all’agricoltura, il cambiamento climatico sarà un fattore determinante nello sviluppo dell’economia della Tanzania.

Istituzioni statali efficienti, funzionanti e inclusive

La Svizzera mira a rafforzare le istituzioni statali di base e ad aiutare le autorità locali a essere più efficienti e funzionanti, in modo sistematico e sostenibile, affinché possano rispondere meglio e più efficacemente ai bisogni della società – in particolare a quelli delle donne e dei giovani uomini – ed essere meno soggette alla corruzione.

La Svizzera aiuta i ministeri a formulare e attuare politiche inclusive e sostenibili e a promuovere la capacità del settore pubblico di fornire non solo servizi medico-sanitari paritari e di qualità anche nel campo della violenza di genere, ma anche protezione sociale, proposte di formazione professionale orientate al mercato, nonché soluzioni e innovazioni finanziarie che includano tutte le fasce della popolazione. A titolo di esempio, il sostegno svizzero nel settore sanitario ha aiutato a migliorare i servizi forniti e l’obbligo di rendiconto per i fondi pubblici usati in circa il 90% dei 6000 ospedali del Paese. Inoltre, il partenariato tra il Governo e il settore privato ha assicurato la disponibilità di medicinali: nel 2020 ben l’80% degli ospedali riferisce di non aver esaurito le scorte di medicinali essenziali.

Buongoverno

La salute - Fattore essenziale dello sviluppo

Promozione dello spazio civico

La Svizzera mira a proteggere e promuovere gli spazi che permettono alla popolazione, soprattutto alle ragazze indigenti, di esprimersi liberamente e di plasmare, seguire e influenzare le questioni sociali, politiche ed economiche che la riguardano. 

La Svizzera sostiene le attività di advocacy degli attori che si battono per l’obbligo di rendiconto nonché dei difensori dei diritti umani al fine di tutelare e aprire nuovi spazi per le cittadine e i cittadini, in particolare i giovani, permettendo loro di interagire con le istituzioni a livello nazionale e locale ed esortando queste ultime ad assumersi le loro responsabilità. Concretamente, le organizzazioni della società civile e le reti nazionali sono state coinvolte in esercizi di monitoraggio per valutare l’attuazione dei piani d’azione e dei budget nell’ambito dello sviluppo. Le loro richieste hanno permesso di migliorare i servizi forniti in vari settori, tra cui l’istruzione, la salute e l’agricoltura, a beneficio di migliaia di persone. La Svizzera ha conservato il ruolo di agenzia leader nel settore dei media. Infatti, le emittenti radiofoniche comunitarie che ha sostenuto hanno registrato un incremento di pubblico, fornendo a milioni di giovani le informazioni necessarie per prendere decisioni importanti per la loro vita. 

Migliori basi vitali per i giovani

La Svizzera intende rafforzare e migliorare le basi vitali dei giovani, in particolare quelle delle ragazze indigenti, incrementando l’accesso a formazioni professionali orientate al mercato, a innovazioni e a soluzioni finanziarie, a servizi di salute sessuale e riproduttiva e a servizi nel campo della violenza di genere, come pure alla protezione sociale per le fasce di popolazione più bisognose.

La Svizzera promuove i servizi pubblici e il coinvolgimento del settore privato per ampliare le opzioni sociali ed economiche rivolte ai giovani, affinché permettano loro di cogliere nuove opportunità lucrative e di incrementare la produttività delle attività che svolgono. In questo modo è possibile integrare e rendere più stabili i flussi di reddito, e quindi contribuire a rendere sostenibili le basi vitali e a ridurre la povertà di reddito. Grazie al recente e discreto sostegno iniziale da parte della Svizzera a progetti di formazione professionale, quasi il 90% dei giovani e giovani adulti a cui questi progetti erano destinati ha trovato un lavoro (o si è creato un posto di lavoro) nel settore agroalimentare o dell’energia rinnovabile.

Istruzione di base e formazione professionale

Sviluppo del settore privato e servizi finanziari

Temi trasversali

Genere e buongoverno

La Svizzera intende promuovere un buongoverno e istituzioni pubbliche più inclusivi dal punto di vista dell’uguaglianza tra donne e uomini, incoraggiare la partecipazione delle donne ai processi decisionali e di formazione delle opinioni e migliorare le basi vitali delle ragazze indigenti. La Svizzera affronterà il tema del genere nel suo dialogo politico, nella pianificazione e nel monitoraggio, nello sviluppo delle capacità e nella comunicazione, allo scopo di influenzare i rapporti di forza e sostenere le autorità di vigilanza a fornire servizi efficienti ed efficaci; in questo modo sarà possibile creare spazi che permettano ai cittadini di partecipare e  di vincolare i decisori all’obbligo di rendiconto a diversi livelli governativi.  

Uguaglianza tra donne e uomini

Altri temi

Cambiamento climatico e cultura

La Svizzera si occuperà di cambiamento climatico nei suoi progetti perché questo è un elemento che amplifica i fattori di stress dei settori in cui è impegnata, per esempio in relazione alla lotta contro la malaria, all’agricoltura e soprattutto alla gestione delle foreste. Continuerà inoltre a destinare l’1% del proprio budget operativo alla promozione della cultura e degli artisti locali affinché si crei un settore culturale e artistico forte, dinamico e innovativo. 

Cambiamenti climatici e ambiente

Arte e cultura – vettori di cambiamento sociale

Approccio e partner

La Svizzera può contare su vari strumenti per sostenere il Governo della Tanzania e gli attori non statali come pure per collaborare con ONG svizzere e internazionali. La responsabilità principale dell’attuazione del programma di cooperazione svizzera Tanzania 2021–2024 spetta alla Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC), rappresentata a livello nazionale dall’Ambasciata di Svizzera. La DSC collabora strettamente con la Segreteria di Stato del DFAE, con la Divisione Pace e diritti umani del DFAE e con la Segreteria di Stato dell’economia (SECO).

Storia della cooperazione

Tradizione svizzera, interessi e valore aggiunto

La cooperazione allo sviluppo svizzera è attiva in Tanzania dal 1960. Le sue attività si sono intensificate nel 1981, quando la Svizzera ha aperto un ufficio di cooperazione a Dar es Salaam, oggi parte integrante dell’Ambasciata di Svizzera. La cooperazione svizzera è allineata agli obiettivi della visione di sviluppo 2025 della Tanzania ed è coordinata con le attività di altri Paesi e organizzazioni internazionali. Si orienta alla Strategia di politica estera 2020–2023 e alla Strategia di cooperazione internazionale 2021–2024 della Svizzera, che perseguono obiettivi chiave nei settori dello sviluppo economico, dell’ambiente, dello sviluppo umano, del consolidamento della pace, della parità tra donne e uomini e del buongoverno.

Progetti attuali

Oggetto 13 – 24 di 24

Tanzania Election Support 2019/2020

01.05.2019 - 30.06.2021

Since the contested 2015 Presidential elections, civic space and democratic values have been on the decline in Tanzania. The 2019 local and 2020 national elections will therefore be a crucial moment for Tanzania’s democratic trajectory, which Switzerland has supported for many years. This single phase project supports a coalition of Tanzanian Civil Society Organizations to conduct long- and short term election observation; as well as a targeted intervention in Zanzibar to promote peaceful dialogue, especially for youth.


Social Accountability Programme 2019 - 2022

01.01.2019 - 31.12.2022

Against the backdrop of shrinking civic space in Tanzania, the Social Accountability Program supports four key accountability Civil Society Organizations (CSOs) in the country. It aims to enhance transparency and accountability of public resource management at national and local level and to empower citizens – including youth and women - and local organizations to engage effectively in public oversight, decision making and advocacy on social issues of concern.


Scaling Up Youth Employment in Agriculture Initiative

01.08.2018 - 31.10.2023

Education systems in Southern Africa do not prepare youth for work; they cannot access or create economic opportunities and ignore the available options. The project will scale up in Southern Africa a model already tested by Switzerland in Tanzania. It will improve (self)-employment of 20’000 young women and men in Zimbabwe and Zambia by strengthening their skills and matching them with existing job opportunities, thereby contributing to the implementation of youth policies in-country and regionally.


Gender transformative SRHR Systems for Improved HIV prevention

01.04.2018 - 31.12.2021

This programme contributes to the reduction of HIV infections and the improvement of sexual and reproductive health status of adolescents and young people in five Southern African countries. It strengthens capacities of communities and governments in mapping and addressing HIV and Sexual Reproductive Health and Rights (SRHR) needs of young people and advocates for integrated regional policies and frameworks.


Regional Arts and Culture Programme (RACP)

01.01.2018 - 31.12.2021

Southern Africa has a strong artistic heritage and cultural tradition which exudes from the talent of its diverse people. However, this rich heritage has been stifled by the lack of capacity, networking and resources among artists in the region. Through this programme, Switzerland supports art organisations and individual artists in Southern Africa to bring fresh perspectives, build on available cultural resources and strengthen the arts and culture sector’s contribution to development in the region.


Regional Vulnerability Assessment and Analysis (RVAA)

01.08.2017 - 31.03.2022

The project supports the Southern African Development Community (SADC) and its Member States in reducing vulnerability of households to disaster risks by increasing their preparedness for response and recovery and in strengthening their resilience. This will be achieved through institutionalising and sustaining vulnerability assessments and analyses systems that enhance emergency and developmental responses at national and regional levels.


SCOPE - Sustaining a Culture of Peace

01.03.2017 - 31.12.2025

Increasing tensions based on political, religious, socio-economic and natural resource-based conflicts indicate that Tanzania’s culture of peace needs strengthening. SDC will therefore promote the use of peaceful means to prevent and deal with conflicts. It will support the Government to establish a conflict early warning and response system, and state and non-state actors to increase public space to address conflictual topics, in particular for women and marginalized.


Skills for Employment Tanzania – SET

Babati, Tanzania

01.03.2017 - 30.06.2022

SET seeks to enhance youth (self) employment by improving the Vocational Skills Development (VSD) system. It will support public and private stakeholders to expand access to quality training that matches the demand from both the economy and youth, in particular women, including young mothers. Key elements from the Swiss VSD model will be emphasized: the coordination between skills providers and private sector, practical training and innovation.


Progetto pianificato

Strengthening Social Accountability and Oversight in Health and Agriculture

01.05.2016 - 31.12.2025

The projected intervention aims at improving public resources management and services delivery in health and agriculture sectors through strengthening the oversight and social accountability roles as well as the capacities of selected parliamentary committees and civil society organisations (CSOs) in the region. It facilitates knowledge sharing and learning at regional level and supports collaborations between parliamentary committees and CSOs in five SADC countries.


Performance-based Health Basket Fund

01.11.2015 - 31.12.2021

With its contribution to the health basket fund Switzerland supports the Government of Tanzania, in particular local governments, to accelerate equitable access to health services by women, children and isolated rural populations. Switzerland, as chair of the health development partners group, will lever the Fund resources through policy dialogue to create an innovative financing modality to ensure the utilization of all Tanzanians of quality health services.


Seeds and Access to Markets Project (SAMP) Phase 3

01.10.2015 - 31.12.2021

The project contributes to increased food and nutrition security of smallholder farmers by improving availability of and access to adequate quantities of quality seeds and planting material of suitable and diversified crop varieties. This enables smallholder farmers to produce enough food to sustain themselves, their communities, and earn higher incomes. The project strengthens national and local farmer-led institutions, supports community seed and commodity production and strengthens seed and commodity distribution networks.


Support to St. Francis Hospital in Ifakara

01.10.2010 - 31.12.2022

SDC plans to support health services and management improvement, and address the role of the hospital as a place for practical training and clinical research. The project would focus primarily on improving health care and look for synergies between St. Francis Hospital, the Ifakara Health Institute and the Tanzanian Training Centre for International Health, and the Swiss institutions that support them (SDC, Novartis Foundation, SwissTPH and Solidarmed). During the entry proposal period, SDC and partners will have an opportunity to explore which organisational option would best serve these objectives. Refurbishment of the pediatric ward will also be undertaken and equipment provided.

Oggetto 13 – 24 di 24