La Svizzera rafforza il suo impegno nella lotta contro la malaria, l’HIV/AIDS e la tubercolosi

Berna, Comunicato stampa, 13.12.2013

Il Consiglio federale approva per il periodo 2014-2016 un contributo di 60 milioni di franchi al Fondo globale per la lotta all’Aids, la tubercolosi e la malaria (GFATM). Nel 2002 la Svizzera è stata co-fondatrice del Fondo, che ha la sua sede a Ginevra, e sin dagli inizi ne è un partner importante. La malaria, la tubercolosi e l’HIV/AIDS restano le principali cause di morte nei Paesi a sud del Sahara e figurano tra i fattori sostanziali di intralcio allo sviluppo.

L’HIV/AIDS, la tubercolosi e la malaria sono, come in passato, tre delle malattie per cui si muore di più nel mondo, ma soprattutto in Africa. La malaria resta la principale malattia parassitaria a livello globale: in 99 Paesi si registrano ogni anno circa 219 milioni di nuovi casi, mentre circa la metà della popolazione mondiale vive in aree colpite da questa infezione. L’OMS stima che nelle regioni endemiche in Africa la malaria pregiudichi la crescita economica di circa 1,3 punti percentuali l’anno.

Sono ancora 2,5 milioni le persone che ogni anno contraggono l’HIV, mentre più di 1,7 milioni l’anno muoiono di AIDS in tutto il mondo. Quanto alla tubercolosi, le stime indicano 1,4 milioni di casi mortali. L’HIV/AIDS e la tubercolosi spesso si manifestano in combinazione, rendendo molto difficile il loro trattamento nei Paesi in via di sviluppo.

Tuttavia, negli ultimi dieci anni, sono stati raggiunti numerosi risultati nella lotta contro le tre malattie. Sono diminuite del 33 per cento le nuove infezioni di HIV a livello mondiale e di oltre il 50 per cento tra i bambini nei Paesi con redditi medio-bassi. Oggi in Africa la terapia antiretrovirale è somministrata a 8 milioni di persone, un numero venti volte più alto che nel 2003. E anche nella lotta alla tubercolosi sono stati raggiunti traguardi importanti: il tasso di mortalità è diminuito di circa il 41 per cento dal 1990. L’Obiettivo del Millennio dell’ONU che aspira a fermare entro il 2015 la diffusione dell’HIV/AIDS, della malaria e di altre importanti malattie, e a invertire gradualmente la tendenza, è così più raggiungibile. 

La lotta contro la malaria, l’HIV/AIDS e la tubercolosi è prioritaria per la cooperazione internazionale allo sviluppo e anche per la Svizzera. I significativi risultati ottenuti nel contrastare queste tre malattie sono indubbiamente attribuibili anche al Fondo globale, che è il principale finanziatore mondiale di questa battaglia.

 


Informazioni supplementari:

GFATM e l’impegno della Svizzera


Indirizzo per domande:

Informazione DFAE
tel. +41 (0)31 322 31 53


Editore

Il Consiglio federale
Dipartimento federale degli affari esteri