Ricerca

fehlt
Grazie all’Accordo di ricerca la Svizzera può partecipare a programmi di cooperazione per la ricerca. © Rolf Weiss

L’Accordo di ricerca del 1999, concluso nell’ambito degli Accordi bilaterali I, ha gettato le basi per una partecipazione della Svizzera ai programmi quadro di ricerca e sviluppo (PQRS) dell’Unione europea (UE).

I PQRS mirano a consolidare e a convogliare in modo più efficiente l’impegno europeo in materia di ricerca, in particolare in settori quali le tecnologie dell’informazione e della comunicazione, la sanità, l’energia, le nanotecnologie, la tecnologia spaziale e l’ambiente. La partecipazione ai PQRS comporta per la Svizzera notevoli benefici a livello scientifico, tecnologico ed economico. Dal 1° gennaio 2017 la Svizzera partecipa come Paese pienamente associato all’8° PQRS, «Orizzonte 2020», dopo avervi aderito temporaneamente come Paese parzialmente associato in seguito all’accettazione dell’iniziativa «Contro l’immigrazione di massa».

Cronologia

  • 1.1.2017: associazione piena della Svizzera a «Orizzonte 2020», ottava generazione dei PQRS
  • 15.9.2014: associazione parziale della Svizzera a «Orizzonte 2020»
  • 2004–2013: associazione della Svizzera al 6° PQRS (2003–2006) e al 7° PQRS (2007–2013), conformemente ai relativi Accordi del 16 gennaio 2004 e del 25 giugno 2007
  • 1.6.2002: entrata in vigore dell’Accordo sebbene la Svizzera potesse partecipare in questa fase solo ad alcuni progetti
  • 21.5.2000: accettazione da parte del popolo dell’Accordo nell’ambito della votazione sugli Accordi bilaterali I (con il 67,2% di «Sì»)
  • 21.6.1999: firma dell’Accordo (pacchetto di Accordi bilaterali I)

Stato del dossier: Ottobre 2018

Informazioni supplementari