Svizzeri all’estero

Un cittadino svizzero su dieci vive all’estero.

Cartelli stradali in vari Paesi

770’000 cittadine e cittadini svizzeri vivono fuori dai confini nazionali. La comunità degli Svizzeri all’estero, talvolta denominata «Quinta Svizzera», rappresenta circa un decimo della popolazione totale.

Il 62 per cento degli Svizzeri all’estero vive in un Paese europeo, principalmente in Francia e Germania. Le comunità più numerose di Svizzeri oltre i confini europei risiedono negli Stati Uniti, in Canada e in Australia.

L’Organizzazione degli Svizzeri all’estero OSE raggruppa oltre 750 società e istituzioni svizzere in tutto il mondo. L’OSE rappresenta gli interessi degli Svizzeri all’estero nei confronti della Confederazione.

Dal punto di vista politico gli Svizzeri all’estero sono equiparati ai loro connazionali residenti in Svizzera. Circa 600'000 Svizzeri all’estero hanno diritto di voto e di eleggibilità.

Inizio ed evoluzione

Tra il XV e il XVIII secolo gli Svizzeri all’estero erano conosciuti soprattutto per le loro abilità come soldati. Ancora nel XVIII secolo circa 70’000 soldati di ventura svizzeri si guadagnavano da vivere negli eserciti stranieri. Nel corso del XVIII e del XIX secolo la povertà e l’intolleranza confessionale in alcuni Cantoni spinsero la popolazione a un’emigrazione di massa, in particolare verso l’America del Nord e del Sud.

Oggi gli Svizzeri all’estero sono spesso impiegati, studenti, ricercatori o artisti che lasciano il proprio Paese solo temporaneamente per studiare o ampliare le proprie esperienze professionali. Uno Svizzero all’estero su cinque ha più di 65 anni.